La cannabis legale come medicina

0
322

03Da quando la legge “Cannabis legale come medicina” è entrata in vigore il 10 marzo 2017, è stato possibile per i pazienti utilizzare la cannabis medica come terapia alternativa o farmaco concomitante in caso di malattie gravi.

Chi può prescrivere la cannabis legale come medicinale?
Prima dell’entrata in vigore della suddetta legge, era necessario ottenere un’autorizzazione speciale dal Ministero federale dei farmaci e dei dispositivi medici. Da marzo 2017, qualsiasi medico (ad eccezione dei dentisti) può prescrivere cannabis medicinale o medicinali con i corrispondenti principi attivi (dronabinol e nabilone).

Per il regolamento sulla cannabis (fiori di cannabis o estratti dalla pianta di cannabis), tuttavia, è necessaria una prescrizione di narcotici (prescrizione BtM). Puoi trovare maggiori informazioni su questo sul sito web dell’Associazione dei medici legali dell’assicurazione sanitaria sotto: Cannabis – cosa i medici devono sapere quando prescrivono .

Di cosa dovrebbe parlarti il ​​dottore.
Se ti viene somministrata la cannabis come medicinale, puoi discutere con il tuo medico tutti i dettagli importanti sulla terapia, che includono, tra le altre cose:

  • La terapia con la cannabis è la misura giusta per la tua condizione? Il trattamento con la cannabis può darti sollievo?
  • Quale forma di dosaggio è adatta? La cannabis è disponibile sotto forma di compresse, gocce oleose, tè, spray orale, creme, unguenti, olio, tinture o per inalazione (fumo).
  • Qual è il dosaggio corretto del medicinale a base di cannabis.
  • È possibile partecipare alla circolazione stradale ?
  • Quali effetti collaterali e interazioni possono verificarsi?
  • Quali rischi di dipendenza sono possibili?

Per quali malattie viene utilizzata la cannabis medicinale?
La condizione per l’uso della cannabis terapeutica è che, secondo il medico che ti sta curando, questo farmaco può avere un effetto notevolmente positivo sul decorso della malattia o alleviarne i sintomi. Questo può essere il caso, ad esempio, della terapia del dolore, di alcune malattie croniche, ecc.

La cannabis legale viene utilizzata meno per la guarigione e più per alleviare i disturbi/le malattie. È quindi molto difficile dire chi può aiutare la cannabis o fornire sollievo per quali quadri clinici. Al fine di verificare ulteriori risultati sull’efficacia della cannabis terapeutica, viene generalmente effettuata un’indagine di accompagnamento secondo il regolamento.

A tal fine, i medici curanti trasmettono dati anonimi – ad esempio su diagnosi, terapia, dose ed effetti collaterali – all’Istituto federale dei farmaci e dei dispositivi medici . L’obiettivo è raccogliere informazioni sull’uso a lungo termine della cannabis per scopi medicinali.

Dal 2017, alcuni gruppi di pazienti sono stati in grado di ottenere legalmente cannabis su prescrizione medica. La cannabis non è usata per curare malattie, ma per alleviare i sintomi.

Tra l’altro si ipotizza un miglioramento/sollievo dei sintomi e quindi un supporto nel trattamento per i seguenti quadri clinici:

  • Aids
  • Artrite/ osteoartrite
  • asma
  • dolore cronico
  • malattie intestinali
  • depressioni
  • Stella Verde
  • Cancro (non adatto a tutti i tipi di cancro)
  • sclerosi multipla
  • nevralgia
  • Cure palliative per malati di AIDS e cancro
  • Parkinson
  • sindrome dell’intestino irritabile
  • reumatismi
  • disordini del sonno
  • ictus
  • tinnito
  • sindrome di Tourette
  • Nausea nei pazienti oncologici associata a chemioterapia/radioterapia
  • disturbo ossessivo-compulsivo
  • eccetera

Effetti collaterali
Gli effetti collaterali e i rischi di dipendenza devono essere chiariti con il medico che ti cura. Anche se la cannabis è una pianta, cioè un prodotto naturale, ciò non significa che sia innocua e priva di effetti collaterali. Al contrario: un fungo mortale è anche una pianta, ma di solito può essere mangiato solo una volta, poiché è altamente velenoso

La cannabis legale per uso medicinale contiene, tra le altre cose, i principi attivi THC e CBD (cannabidiolo ). Il THC ha un effetto analgesico e rilassante, il CBD è antinfiammatorio. Entrambe due proprietà clinicamente positive. Sfortunatamente, la cannabis ha anche effetti collaterali.

Quindi, se fai terapia con cannabis, dovresti essere preparato per i seguenti effetti collaterali:

Quindi, se fai terapia con cannabis, dovresti essere preparato per i seguenti effetti collaterali:

  • stati d’ansia
  • Irritazione degli occhi, secchezza degli occhi
  • sensazione di perdita di controllo
  • Voglie di fame chimica
  • mal di testa
  • Problemi circolatori, tachicardia, calo della pressione sanguigna
  • letargia
  • fatica
  • psicosi
  • Riduzione delle prestazioni mentali
  • vertigini
  • Bocca asciutta

Posso coltivare piante di cannabis legale da solo?
Molte persone malate croniche si aspettano un grande aiuto o sollievo dalla cannabis. Nel caso della cannabis per terapie mediche, va fatta una distinzione fondamentale tra “coltivazione legale di cannabis” e “acquisizione legale di cannabis”.

La coltivazione di piante di cannabis è ancora illegale in Germania, così come nella maggior parte dei paesi europei. In Germania per es esempio il monopolio della coltivazione spetta esclusivamente al Ministero federale delle droghe e dei dispositivi medici, che nel maggio 2019 ha assegnato tutti i contratti per la coltivazione della cannabis medicinale.

Tuttavia, nei casi di disagio, ad esempio nel caso di costi finanziariamente insostenibili attraverso l’acquisto di cannabis in farmacia e di mancata copertura da parte della GKV (assicurazione sanitaria obbligatoria), in Germania possono essere rilasciati permessi individuali a privati. Tuttavia, questo di solito è possibile solo intraprendendo un’azione legale, che è associata a costi aggiuntivi e solo una piccola possibilità di successo.

Qual è la differenza tra cannabis e canapa?
Non c’è differenza, perché cannabis è il termine latino per canapa. Di solito solo parti della pianta femminile di cannabis vengono utilizzate per scopi medicinali.

Nella mondo della droga, i seguenti termini sono usati anche per i diversi prodotti a base di cannabis: erba, marijuana, hashish o hash, pezzo, droga, canna, borsa, spinello, fieno, kiff, pentola, ecc

PUBBLIREDAZIONALE

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here