Infojobs, in Lombardia più offerte di lavoro

0
716

Secondo l’Osservatorio InfoJobs sul Mercato del Lavoro 2016, le offerte di lavoro in Lombardia sono aumentate del 9,7% rispetto al 2015, quindi la Lombardia si conferma saldamente al primo posto in Italia per numero di annunci, con una quota del 33,7% sul totale italiano. A guidare la classifica dei settori più dinamici si conferma ICT, che concentra il 31% delle offerte di lavoro in regione e registra un aumento del +20,4% rispetto al 2015. Il podio viene completato da Commercio, distribuzione e GDO con il 9,3% e da Telecomunicazioni con il 9%. A seguire, PR ed eventi con il 6% e Servizi finanziari (5,2%). I dati dell’Osservatorio InfoJobs sulle le categorie più ricercate mostrano che Manifatturiero, produzione e qualità mantiene la testa della classifica regionale, con il 22,4% delle offerte di lavoro in Lombardia. Seguono quindi a distanza Amministrazione e contabilità (10,3%), Vendite (9,7%), ICT (9,4%) e Commercio al dettaglio, GDO e Retail con l’8,4%, a chiudere la Top 5. “Nonostante l’incertezza riguardante il termine delle misure legislative e degli incentivi fiscali, anche nel 2016 abbiamo assistito a una performance positiva del numero delle offerte di lavoro. Il Jobs Act ha dato un impulso significativo all’apertura di nuove posizioni in azienda, ma è fondamentale che le riforme sul diritto del lavoro proseguano per accrescere la dinamicità del mercato nei prossimi anni” dichiara Eva Maggioni, Head of Field Sales & Customer Service di InfoJobs. “Il nostro punto di osservazione privilegiato sulle dinamiche tra domanda e offerta di lavoro ci consente di essere fiduciosi su un buon andamento del mercato del lavoro anche nel 2017 e di prevedere che le ricerche saranno sempre più indirizzate verso profili con caratteristiche di flessibilità e innovazione: questi talenti sono fondamentali per l’evoluzione ed il successo delle aziende in uno scenario estremamente competitivo”. Tra le provincie più attive, Milano mantiene lo scettro di capofila nazionale e regionale anche nel 2016, concentrando il 47,6% dell’offerta regionale (in aumento del 7,3% rispetto al 2015), seguita a notevole distanza da Brescia (11,8%), che fa registrare un aumento del 27% degli annunci e da Bergamo con una quota del 10,4%. Completano il quadro le province di Monza e Brianza (7,5%), Varese (6,3%), Mantova (3,4%), Como e Lecco (entrambe 3%), Cremona (2,9%), Pavia (2,3%), Lodi (1,4%) e, a chiudere, Sondrio con lo 0,4%.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here