Inchiesta al sindaco Trezzi: per l’opposizione serve un cambio di rotta

0
649

«Nessun giudizio negativo ma chiediamo un cambio di rotta e che il sindaco Trezzi venga a riferire in Consiglio comunale riguardo all’indagine che l’ha investita. La nostra contrarietà ai progetti di cui si parla nelle carte giudiziarie è sempre stata chiara». Un comunicato congiunto quello di Giacomo Ghilardi della Lega Nord di Cinisello Balsamo e di Giuseppe Berlino e Antonio Di Laura della lista La tua Città all’indomani della notizia dell’inchiesta della Procura di Monza nei confronti del sindaco Trezzi e del marito Roberto Imberti, ex assessore all’urbainistica nell agiuta Gasparini, per reati di corruzione relativi a due interventi sull’l’area della nuova fermata del metrò Bettola e sull’ex ovocolture poi Pala K. «Apprendiamo con rammarico l’avvio di indagini da parte della procura di Monza nei confronti del Sindaco Siria Trezzi e di suo marito Roberto Imberti, (già vicesindaco nella giunta Gasparini ed assessore all’urbanistica con la giunta Zaninello) – spiegano gli oppositori – Non è mistero il nostro giudizio negativo sui grossi progetti urbanistici oggetto di inchiesta, tanto che avevamo espresso voto contrario al PGT , documento nato ed elaborato dalla giunta Gasparini e portato a compimento e votato da quest’ultima giunta Trezzi. Crediamo che, vista l’entità degli interventi edificatori ed i milioni di euro in ballo, l’intervento della Procura sia da ritenere utile per poter sgomberare il campo da ogni possibile ed eventuale, se mai presente, situazione di conflitto di interesse. Non vogliamo puntare il dito contro nessuno, e da garantisti quali siamo, auspichiamo che Sindaco e consorte sappiano convincere chi sta indagando, della bontà della loro condotta politica amministrativa tenuta in questi anni, rispetto alle decisioni assunte sugli atti riguardanti i progetti di riqualificazione urbana cittadina, tra i quali, quelli relativi all’area Bettola (ex Auchan), ed ex Ovocoltura, interessati da questa indagine. Certo che tra i già tanti problemi in cui versa la Città in questo periodo, avremmo evitato volentieri di trovarci in questa ulteriore amara vicenda. È evidente che serve un cambio di rotta, una discontinuità rispetto alla discutibile azione politica amministrativa della sinistra cittadina, arrivata, a nostro parere, oramai al capolinea. Serve un ricambio generazionale, dei personaggi politici, che da decenni si susseguono nella guida della nostra Città, e che ne hanno determinato un impoverimento socioeconomico, oltre che un decadimento di immagine. A questo punto riteniamo urgente e necessario che il Sindaco venga a riferire in aula consiliare circa l’intera vicenda che la vede coinvolta».

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here