Immigrazione clandestina, in manette ragioniere a Sesto San Giovanni

0
1423

Gestiva un traffico di immigrati e falsi permessi di soggiorno dal suo studio di commercialista a Sesto San Giovanni. Grazie ad una complessa indagine denominata Hydra condotta dal Commissariato di Polizia di Monza sono state 171 le persone indagate e 11 quelle arrestate per ordine della Procura di Monza per associazione per delinquere finalizzata all’immigrazione clandestina tramite documenti falsi per la permanenza illegale in Italia di stranieri. Il commercialista brianzolo arrestato U.M.D., le iniziali, operava da l suo ufficio sestese creando società fittizie che assumevano solo sulla carta dipendenti clandestini, in totale dal 2012 almeno 1500 persone, e poi chiudendole prima che si potesse scoprire la truffa. I clandestini pagavano dai 200 ai 3000 euro per ottenere un finto lavoro e i docuemnti che arrivavano in pochi giorni. Sono oltre 30 le ditte false che hanno assunto più di 1.500 dipendenti generando nel tempo un volume d’affari tra i 2 e i 3 milioni di euro.Con il commercialista lavoravano tre persone tutte ai docmiciliari Angelo Re, dirigente del commissariato di Monza ha spiegato che “circa la metà degli stranieri ha ottenuto il permesso perché per gli altri le pratiche sono state fermate dall’ufficio immigrazione”. Secondo la procura il ragioniere finito in carcerenon ha precedenti ma si sospetta abbia aperto almeno 800 società ma molti reati sarebbero prescritti. Lo studio del ragioniere è stato sequestrato.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here