Il Sesto d’Oro al testimone dell’omicidio di Livatino

0
180
Il primo Sesto d’Oro 2021è stato comunicato ufficiosamente dal sindaco di Sesto Roberto di Stefano il 14 giugno. Dopo la serata di presentazione del libro “Io sono nessuno” in cui racconta la sua vicenda di testimone Piero Nava, originario di Sesto, ha ricevuto la notizia del riconoscimento.
Piero Nava  è stato il primo testimone di giustizia in Italia. Il 21 settembre del 1990, dopo aver assistito casualmente all’omicidio del giudice antimafia Rosario Livatino (beatificato un mese fa) mentre percorreva la Enna-Agrigento in auto per lavoro, cambiò la sua vita per sempre. Grazie alla sua decisione di raccontare tutto alla Polizia i killer furono arrestati e condannati all’ergastolo. Ancora oggi, a oltre 30 anni di distanza, Piero vive in incognito, sotto falso nome e senza poter apparire in pubblico.
In Villa Visconti d’Aragona, insieme ai curatori Paolo Valsecchi, Stefano Scaccabarozzi e Paolo Bonino, è stato presentato il suo libro dal titolo “Io sono nessuno”. Nava è intervenuto al telefono e ha detto: “È un onore per me ricevere la benemerenza civica. Ricordo bene Sesto San Giovanni, qui ho fatto le scuole, andavo all’oratorio, giocavo alla Rondinella. Viale Matteotti, viale Casiraghi, piazza Petazzi, l’Oratorio San Luigi: ho sempre Sesto nel cuore. Ci sono momenti nella vita in cui hai un’unica scelta da fare: ho dovuto abbracciare una croce e portarla avanti ma non è stato un problema, non avrei avuto più rispetto di me stesso se non avessi raccontato ciò che avevo visto. Non bisogna girarsi dall’altra parte: spero che questo sia l’insegnamento per i ragazzi che leggeranno questo libro. Io non sono un eroe, ho solo fatto il mio dovere e lo rifarei ancora. Pentirsi significherebbe perdere il rispetto di me stesso. L’indifferenza è il male della società”.

 

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here