Il primo open data dei cantieri provinciali in Brianza

0
195

Nasce in provincia di Monza il primo Open data con i dataset che rappresentano l’attività di programmazione e pianificazione degli investimenti negli anni di mandato 2017/2019, come attività di consuntivo rispetto alla ripresa della capacità di aprire procedure di appalto per opere di manutenzione straordinaria ed ordinaria, una attività che ha subito i contraccolpi dei tagli previste dalla legge di stabilità a partire dal 2014.Scuole e strade rientrano tra le funzioni fondamentali delle Province ai sensi della Delrio: sono le funzioni che generano investimenti ed hanno un ruolo chiave nella crescita di un territorio. Negli ultimi anni gli investimenti sulle opere pubbliche di competenza provinciale hanno subito una forte contrazione.“Si avvicina il giorno in cui passerò il testimone di Presidente e ho ritenuto significativo lasciare un segno del lavoro fatto in questi anni difficili per la Provincia, in cui i tagli previsti dalle finanziarie a partire dal 2014 hanno inciso sulle attività che ci competono per legge. Abbiamo fatto una raccolta dei dati relativi agli investimenti fatti nell’ultimo biennio come prova della ritrovata capacità della Provincia di fare attività di programmazione per mantenere in salute il patrimonio pubblico di competenza: strade ed edilizia scolastica. Si tratta di un seme di un lavoro che mi auguro potrà essere sviluppato da qui in poi per dare ai cittadini completa trasparenza su quanto l’attività della Provincia incide sulla vita quotidiana di tutti” – spiega il Presidente Roberto Invernizzi.

Dati UPI – Unione Province Italia sui tagli subiti dalle Province: scuole e strade rientrano tra le funzioni fondamentali delle Province ai sensi della Delrio: sono le funzioni che generano investimenti ed hanno un ruolo chiave nella crescita di un territorio. Negli ultimi anni gli investimenti sulle opere pubbliche di competenza provinciale hanno subito una forte contrazione. Nel 2014 la legge di stabilità, taglia 1 miliardo per il 2015, 1 miliardo per il 2016 e 1 miliardo per il 2017. L’incidenza media dei tagli delle manovre economiche dal 2012 al 2018 sulle entrate proprie delle Province è pari al 60,4%. La Corte dei Conti parla di “tagli manifestamente ingiustificati” evidenziando gli effetti disastrosi che avranno sui servizi essenziali ai cittadini”.

Ancora, sempre la Legge di stabilità per il 2015 stabilisce la riduzione del 50% del personale delle 76 Province: circa 16 mila dipendenti vengono trasferiti con la procedura di mobilità o vengono

collocati in pensione. Nel dettaglio: 2.564 posti in pensione; 5.505 personale dei Centri per l’impiego; 720 ricollocati presso Ministeri o tribunali; 7.185 ricollocati direttamente dalle Regioni.

Le Province si trovano a gestire praticamente le stesse funzioni, senza risorse e con personale dimezzato.

Dal 2014 la pianta organica della Provincia MB, per effetto della Legge Delrio, ha subito un taglio da 279 dipendenti a 138 dipendenti impiegati sulle funzioni fondamentali e 37 sulle funzioni delegate da Regione. Oggi sono complessivamente 170 i dipendenti operativi di cui137 sulle funzioni fondamentali e 33 sulle delegate.

Quanto ai bilanci attuali, le Province stanno operando una qualificazione della spesa corrente, che tra il 2017 e il 2018 diminuisce di oltre 300 milioni, il 6,4% in meno.

Una performance non eguagliata dagli altri enti locali, anzi: la spesa corrente dei Comuni scende dello -1,1% e quella delle Città metropolitane addirittura aumenta di un +8,17%.

Per contro, la spesa per investimenti delle Province, dopo sei anni di costante diminuzione tanto da avere toccato tra il 2011 e il 2018 un -60%, inizia a mostrare i primi segni di ripresa: i dati di confronto tra il primo bimestre 2018 – 2019 fanno infatti registrare un +6%.

In accordo con i dati Siope diffusi da UPI – Unione delle Province Italiane, anche la Provincia MB conferma il trend crescente della spesa per gli investimenti consolidando un percorso di rimodulazione della spesa.

Si passa dalla diminuzione della spesa corrente da 104.411.906,25 euro nel 2016 ai 78.395.446,13 euro previsti nel bilancio 2019 con un incremento della spesa per gli investimenti per finanziare le funzioni fondamentali: nel 2016 si disponeva di 4.479.418,78 con un trend di crescita arrivato ai 11.440.392,55 euro per il 2019.

Si consolida il ruolo delle Stazioni Uniche Appaltanti delle Province a servizio dei Comuni, tanto che la Cuc della Provincia MB dal 2017 ha concluso 240 gare per un valore di 246.512.647,84 euro.

EDILIZIA SCOLASTICA

Sono oltre 40 mila gli studenti che frequentano le scuole superiori della Brianza, un patrimonio edilizio costituito da 42 edifici su cui la Provincia ha la responsabilità in termini di sicurezza e decoro.

Dal biennio 2017/2019 si stanno investendo 8.464.151,08 milioni in opere di manutenzione: da maggio fino a fine anno sono previsti cantieri dal valore di 5.874.062,00 che comprendono i 3.233.242 milioni per l’ampliamento del complesso scolastico Omnicomprensivo di Vimercate e 1.341.000,00 per la copertura del Liceo Zucchi di Monza.

Piano antincendio: E’ arrivata pochi giorni fa la notizia che saranno finanziati dal Miur alcuni progetti di adeguamento alla normativa antincendio degli edifici scolastici, sulla base del DM n. 101 del 13/02/2019 “Piano antincendio”. Al primo posto nella graduatoria pubblicata dal Miur il progetto presentato per l’adeguamento dell’auditorium di Vimercate, per un contributo MIUR pari a 70.000 euro che si sommano ai 52.000 euro in quota all’ente proponente per un importo complessivo di 122.000 euro.

Con lo stesso decreto sono stati assegnati 70.000 euro per l’adeguamento della succursale della scuola professionale Gandhi di Besana Brianza.

Sono stati ottenuti finanziamenti per ITI Enrico Fermi di Desio per 1.625.900,00 euro e IIS e ITC Martino Bassi di Seregno per € 2.639.531,60.

L’assegnazione delle risorse prevede l’apertura di procedure di selezione di professionisti a cui assegnare la progettazione sulle strutture scolastiche per cui è previsto nel 2019 un investimento di 323.120,48 euro.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here