Gli scatti di Salbitani in mostra

0
459

CINISELLO BALSAMO – Roberto Salbitani, maestro della fotografia contemporanea, arriva in Villa Ghirlanda. Il Museo di fotografia di via Frova 10 ospita, dall’11 novembre al 4 maggio 2014 “Storia di un viaggiatore”, un’esposizione dei migliori scatti del celebre fotografo veneto.

La mostra comprende i sei più importanti lavori del fotografo, tutti caratterizzati da lunghe narrazioni protratte nel tempo: La città invasa, 1972-1984, dedicato alla aggressiva presenza delle immagini, pubblicitarie e non, nella città contemporanea; Viaggio, 1974-1982, sul treno come luogo degli incontri casuali e della sospensione esistenziale; Dalle mille e una notte (passate al cinema), 1973-1980, magico insieme di immagini tratte da film e fotografate al cinema; Viaggio in terre sospese, 1975, immagini del paesaggio dall’abitacolo dell’automobile; Il punto di vista del topo, 1990-1998, un percorso fuori dalle strade principali in cerca dei segni dell’invasione della campagna da parte della città; Autismi, 1997-2006, sull’automobile come simbolo del potere e sostituto del sesso, capace di creare nell’uomo gravi forme di dipendenza; Venezia. Circumnavigazioni e derive, 1971-2007, lungo “poema” dedicato alla sua città d’elezione composto di ricordi, sogni, visioni fuori dal tempo.

La mostra sarà corredata da una serie di approfondimenti dedicati al tema del viaggio che partiranno nel mese di novembre.

In collaborazione con Fondazione Cineteca Italiana, all’interno del Cinema Area Metropolis 2.0 di Paderno Dugnano saranno esposte – dal 22 novembre 2013 al 26 febbraio 2014 – alcune delle opere più significative di Roberto Salbitani dalla serie Viaggio. Nel mese di gennaio Area Metropolis 2.0 dedicherà al tema una rassegna cinematografica.

Il Museo presenterà inoltre un corso di approfondimento dedicato al viaggio articolato in quattro incontri con professionisti e fotografi che ne hanno fatto l’oggetto privilegiato della loro ricerca artistica e umana.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here