Monza, Fidapa Modoetia aderisce ad “Equal pay day”, campagna per la parità salariale tra uomini e donne

Fidapa Modoetia Corona Ferrea: "Parità nella leadership, disparità nella retribuzione"

0
228

Le donne nell’Unione europea guadagnano in media il 16,2% in meno rispetto agli uomini. In pratica, dal 3 novembre le donne europee (rispetto ai colleghi maschi) lavorano gratis fino al 31 dicembre. Per segnare questo momento l’Ue ha deciso di fissare proprio in quella data l’Equal Pay Day. In Europa, per ogni euro guadagnato da un uomo la donna prende in media 84 centesimi.

Secondo i dati dell’Eurostat, la disparità tra gli stipendi, nel 2016 supera il 16%, mentre l’Italia detiene il primato positivo, insieme alla Romania, garantendo che le donne guadagnino “solo” il 5,3% in meno degli uomini. Le differenze più ampie si registrano in Estonia col il 25%, in Repubblica Ceca e Germania entrambe al 22%. “Le donne e gli uomini sono uguali. Questo è uno dei valori fondanti dell’Ue. Ma le donne lavorano per due mesi non retribuite ogni anno, rispetto ai loro colleghi maschi. Non possiamo più accettare questa situazione”, dicono in una dichiarazione congiunta il primo vicepresidente della Commissione europea Frans Timmermans, la commissaria Marianne Thyssen e la commissaria Věra Jourova. Secondo i tre esponenti della Commissione “il divario retributivo di genere non è solo ingiusto in linea di principio, ma anche nella pratica. Mette le donne in situazioni precarie durante la loro carriera, e ancor più dopo il pensionamento, con un divario pensionistico di genere del 36,6%”.

Sebbene non esista una soluzione immediata per risolvere questa disuguaglianza, anche perché le politiche salariali sono di competenza degli Stati e non dell’Unione, secondo la Commissione “ci sono modi per apportare cambiamenti concreti. Abbiamo messo sul tavolo una serie di proposte per affrontare questo problema sul posto di lavoro e a casa. È urgente che vengano portate avanti dal Parlamento europeo e dagli Stati membri in seno al Consiglio al fine di ottenere risultati concreti, ad esempio migliorando i diritti dei genitori e dei lavoratori di prendere congedi per sostenere le loro famiglie”.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here