Favolacce, la realtà nera che non ti aspetti

0
56

Ripreso il cinema all’aperto in Villa Reale, organizzato da Spazio Cinema Anteo (che a Monza gestisce anche il Capitol, visto che il Metropol purtroppo ha chiuso i battenti), ho deciso di tornare davanti al grande schermo. E il ritorno è stato una piacevole riscoperta. Il cinema visto nel periodo del lockdown, tanto e anche di qualità, comunque non è mai come il grande schermo. E quando su quello schermo scorrono immagini così curate, studiate, meditate, sapientemente girate il piacere è immenso. Favolacce, al di là della trama che ritrae una realtà amara e nera, una realtà che supera qualsiasi storia inventata o fantastica, e con cui io – da cronista di nera – mi misuro costantemente, è altro. Favolacce è la riscoperta del cinema d’autore, con inquadrature che sottolineano ogni secondo, ogni momento del narrato. È la scelta azzeccata e perfetta di ogni volto, di ogni inquadratura e di ogni situazione. È un ritmo che sembra incalzare in continuazione verso qualcosa che non accadrà mai. Perché quello che accadrà alla fine è inaspettato, è scioccante, è crudo. Grandissimo Elio Germano nessuno meglio di lui avrebbe potuto interpretare un padre apparentemente crudele, in realtà dolorante e sofferente imprigionato in un ambiente che non gli appartiene. Ogni tanto abbiamo voglia di farci raccontare anche delle favolacce. Perché la vita non è certo sempre a lieto fine per tutti. Bravissimi i fratelli D’Innocenzo e meritato l’Orso d’Oro. Il tutto nella cornice del cortile della Villa Reale, la cui magia alla fine del film fa stemperare l’amaro rimasto in bocca. www

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here