Fausto Coppi a teatro con Sabina Negri e Nino Formicola

0
458

La splendida e affascinante storia di Fausto Coppi torna a teatro questa sera, 23 marzo 2021 (visibile fino al 25 marzo), con una splendida piece tratta dai libri di Gabriele Moroni”Fausto Coppi. Solitudine di un campione” uscito nel 2009, edito da Mursia, e da “Non ho tradito nessuno. Autobiografia del Campionissimo attraverso i suoi scritti” (edito da Neri Pozza nel 2019). Interpreti Sabina Negri che ripercorre la figura della Dama Bianca  e Nino Formicola nei panni dello stesso Fausto. Lo spettacolo dal titolo “Angelo Fausto Coppi, l’eroe nato contadino” (alle ore 20,30 su questo link) debutta sul portale di Regione Lombardia in streaming nella serie degli spettacoli del ciclo «Eroi e Riflessioni» registrati al Teatro Dal Verme di Milano. Si tratta di una iniziativa dell’assessorato alla cultura di Regione Lombardia ed è stata realizzata in collaborazione con il circuito lirico lombardo Opera Lombardia e la Fondazione I Pomeriggi Musicali e rientra nel ciclo degli spettacoli «In Lombardia i teatri non si fermano». La pièce racconta il mito del ciclista Coppi e quello dell’uomo innamorato della Dama Bianca ovvero Giulia Occhini, (interpretata da Sabina Maria Negri). La  musica è stata arrangiata ed eseguita da Simone Spreafico e Luca Garlaschelli, con il supporto della splendida voce della cantante Patrizia Rossi. La regia è di Lorenzo Loris. Scenografia e installazioni a cura di Marco Lodola. «Sta talmente in alto che da essere un modello sia maschile che femminile – dice Sabina Maria Negri — la forza e la fragilità, la sua esplosione nella conoscenza al di là delle sue origini contadine, la potenza, è nella sua persona e nella sua personalità. È il ciclismo che si è adeguato a lui. E in teatro questo vince. Il teatro è tutto: una folle corsa che possiamo immaginarci anche in bicicletta. Il suo spirto, la sua anima, entrano ed escono dal teatro. Ed è per questo che il nostro Coppi continuerà a pedalare anche dopo questa magnifica esperienza al Dal Verme».

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here