Ex Cime, sgomberate le famiglie che occupavano lo stabile

0
648

Le otto famiglie che, rimaste senza casa, una settimana fa avevano occupato gli stabili abbandonati dell’Ex Cime di via Filzi a Cinisello, ieri sono state sgomberate dalla Polizia. Una decisione presa dall’amministrazione in seguito ad un esposto. L’occupazione era stata decisa dal Movimento Inquilini e per la Casa come critica alle politiche del sindaco Trezzi sulla casa e si sperava in una trattativa. Ma non c’è stata e si preannuncia battaglia. Caustico Giacomo Ghilardi rappresentante di Lega Nord in consiglio comunale: «Le famiglie che fino a ieri hanno pagato le tasse, contribuendo allo sviluppo della nostra città, e che oggi si trovano in difficoltà non possono essere abbandonate dal Comune – ha detto – Il Sindaco oggi non è in grado di far fronte ai loro bisogni.
Cosi come in tutti i Comuni, anche a #CiniselloBalsamo ci troviamo ad avere a che fare quotidianamente con risorse scarse e bisogni illimitati.Pertanto, se fossi stato al posto del Sindaco attuale, non avrei accolto e fatto alloggiare nelle residenze comunali (es Brodolini) finti profughi, ma avrei destinato tali posti per fronteggiare emergenze come queste. Occupare o requisire spazi privati sfitti non è una soluzione tollerabile; dedicare gli spazi comunali esistenti per la nostra gente è ciò che dovrebbe fare un Sindaco responsabile».

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here