Covid 19, in arrivo i tablet in corsia

0
616

Ispirati dall’iniziativa del Consigliere del Municipio 6 di Milano, Lorenzo Musotto, con la prima donazione di tablet effettuata all’Ospedale San Carlo di Milano, le agenzie SWITCHUP e STUDIO ILLICA MICERA decidono di rinnovare questa iniziativa. Decine di TABLET 4G sono in arrivo in questi giorni presso gli Ospedali di Milano Niguarda, l’Istituto RSA Geriatrico Piero Redaelli e l’Ospedale di Desio a Monza. “Come agenzie di comunicazione, marketing e digital, viviamo il mondo della connettività tutti i giorni con Clienti e Consumatori. In questo difficile momento storico, ognuno di noi, però, sta scoprendo quotidianamente quanto la tecnologia di videochiamate e messaggistica istantanea riesca a mettere in contatto affetti che altrimenti resterebbero inevitabilmente lontani e separati.” – commenta Gian Luca Boarini, AD di SwitchUp. Questi strumenti, che prima possono esserci sembrati un po’ distanti,

specialmente ai senior, non sono più soltanto un intrattenimento giovanile o piattaforme commerciali ma indossano un abito tutto nuovo: ci rendono concretamente più vicini. “È forse il lato più bello che ci sta mostrando la tecnologia. Una tecnologia che non serve soltanto a vendere, ma ad unire. Un paradigma che tutti dovremo comprendere, a partire proprio dalle aziende commerciali che comunicano ai loro Consumatori.” ha infine aggiunto Paolo Micera, AD di Studio Illica Micera. I tablet 4G INTERNET che saranno donati potranno essere di supporto a tutti i pazienti che stanno affrontando questa difficile malattia da soli mettendoli così in contatto con i loro affetti attraverso VideoChiamate, WhatsApp o Skype. Sono stati dotati anche di cuffiette con microfono che potranno essere sanificate dopo ogni utilizzo. Una tecnologia che consentirà il diritto all’affetto anche in un momento in cui la parola d’ordine è “stare lontani”. “Ovviamente gli strumenti al termine della crisi, a breve come ci auguriamo, potranno essere impiegati anche per altre funzioni che saranno utili nel lavoro quotidiano di ogni reparto ospedaliero, come ad esempio il progetto di Cartella Clinica Elettronica o altre innovative forme di digitalizzazione delle Strutture Sanitarie. E magari continuare a mettere in contatto le persone più anziane in Istituti di Ricovero, Residenze ed Hospice con i loro affetti. Più vicini, più spesso.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here