Cornaredo – Accordo Bennet: partono i lavori

0
237

Dall’attesissima pista ciclopedonale a San Pietro all’Olmo al rifacimento del centro storico, dalla caldaia nella scuola elementare di via Don Sturzo alla manutenzione di piazza Libertà.
Ecco cosa è stato fatto e cosa si farà tra le strade di Cornaredo.
“Missione sicurezza compiuta”. Queste parole non sono il titolo di un film ma sono invece quelle pronunciate dall’assessore ai lavori pubblici Dario Ceniti dopo aver ufficializzato la decisione di realizzare una pista ciclopedonale nel pericoloso – e purtroppo famoso – tratto di strada della Statale 11 che parte da piazza Dubini e arriva all’incrocio di viale delle Repubblica. L’intesa sottoscritta con la Provincia nell’ambito dell’accordo con Bennet per la realizzazione del centro commerciale ha quindi sbloccato l’operazione vincendo anche le resistenze all’interno della giunta e portando nelle casse del Comune 500 mila euro per la realizzazione del progetto. Il cantiere, che partirà intorno a metà novembre e si protrarrà per circa due mesi, prevede anche l’installazione di impianti d’illuminazione pubblica di nuova generazione a led su tutto il percorso, nuove fognature e attraversamenti pedonali in sicurezza. Nel progetto rientra anche la sistemazione di piazza Dubini con l’obiettivo di far defluire regolarmente il traffico anche quando il pullman si ferma per caricare i passeggeri. Inoltre si tratterà di congiungere la piazza con la rete ciclabile che si snoda all’altezza dell’incrocio con viale della Repubblica. L’infrastruttura, oltre ad ampliare la rete ciclabile, garantirà continuità nei collegamenti e un maggiore senso di sicurezza andando incontro alle numerose aspettative dei cittadini.
Quello della pista ciclopedonale di San Pietro all’Olmo è stato sempre un progetto discusso e atteso ma che oggi ha finalmente trovato un suo fe- lice epilogo?
“Che vi fosse la necessità di intervenire era un dato certo anche se ci sono volute davvero molte discussioni per far capire che era un’opera assolutamente necessaria e improrogabile. Con questa iniziativa, oltre ai ciclisti, saranno in sicurezza i tanti pedoni che quotidianamente percorrono il tratto di strada. I tanti morti negli anni obbligavano a intervenire. Il progetto era già pronto da tempo ed è stato un mio preciso obiettivo e impegno, prima della conclusione del mandato, portare avanti questa proposta. Nessuno mi avrebbe fermato”.
È tempo però che democratici e grillini criticano le attività del suo assessorato e recentemente nel mirino c’è stato il rifacimento del centro storico e in particolare del tratto di via Garibaldi e della piazzetta Dugnani. A che punto sono i lavori?
“Innanzitutto la riqualificazione era assolutamente necessaria dato il degrado in cui si trovava la zona. In particolare, ci tengo a sottolineare due concetti fondamentali: in primo luogo la realizzazione dell’opera ammonta a circa 360mila euro e non 530mila come sbandierato dalla sinistra e, in secondo luogo, rientra tra le opere stradali coperte dalla convenzione con il supermercato Bennet. La riqualificazione quindi non peserà sulle casse comunali contrariamente a quello che qualcuno dell’opposizione, forse poco informato, ha raccontato. L’opera riguarda il ripristino del porfido che è stato sostituito per ospitarne uno più grande, con un disegno differente rispetto a quello attuale e caratterizzato dai colori rosa e grigio per fornire alla zona oltre al miglioramento della pavimen- tazione stessa, un’aura più luminosa. I lavori sono iniziati solo a metà settembre e al massimo entro fine novembre sarà completata la pavimentazione della piazza e verrà allestito l’arredo urbano con fioriere, cestini e porta biciclette. È una vera e propria soddisfazione sia a livello di tempistica che di qualità este- tica”.
Con l’inizio dell’anno scolastico anche l’ultima scuola di Cornaredo ha avuto una nuova caldaia e presto anche piazza della Libertà sarà soggetta a delle migliorie.
“Esattamente. Il Comune ha concretizzato un nuovo fondamentale tassello nel programma di ammoderna- mento degli impianti e risparmio energetico nei plessi scolastici. Si tratta infatti della nuova centrale termica della scuola elementare di via Don Sturzo, intervento assolutamente necessario. Questo proget- to è particolarmente importante perché la vecchia caldaia era l’ultima a gasolio presente nelle scuole e quindi costituisce una svolta e un capolinea anche a livello di qualità dell’aria. Invece e infine, i lavori di manutenzione di piazza Libertà inizieranno anch’essi nel mese di novembre, si protrarranno per circa un mese e riguarderanno il ripristino delle parti degradate (soprattutto intorno alla Chiesa) anche se qui non interverremo con la sostituzione del porfido ma ci limiteremo alla sistemazione delle fughe e della fognatura”.

Anna Lisa Bongermino

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here