Consiglio Regionale, un anno di successi per i cittadini

0
371

Trasparenza, semplificazione nelle leggi e progetti partecipati con il territorio. I lavori del Consiglio regionale lombardo sono stati puntati soprattutto a questi obiettivi e molti sono stati raggiunti con successo. A fine anno il bilancio dell’ente che ha sede nel Pirellone è positivo. Per quanto riguarda la semplificazione da notare la legge che ha avviato la fusione sulle società partecipate regionali e la legge sulla rigenerazione urbana, insieme a quella sulla programmazione negoziata che facilita gli interventi infrastrutturali dei Comuni,. Il 2019 ha portato meno leggi se paragonato al secondo anno della precedente legislatura , ma in compenso sono state numerose le “correzioni” e le migliorie apportate al quadro normativo esistente, attraverso complesse leggi di semplificazione e revisione che hanno aggiornato in particolare i testi unici relativi a settori strategici come quelli della sanità, dei parchi e dell’agricoltura. L’Assemblea regionale ha approvato quest’anno 28 leggi (sette in più rispetto allo scorso anno), 2 proposte di referendum, 13 proposte di atto amministrativo e 22 proposte di nomina. Aumenta sensibilmente rispetto all’anno precedente l’attività di indirizzo, con 19 Risoluzioni approvate (erano 9 nel 2018), 74 mozioni (lo scorso anno 46) e circa 300 ordini del giorno, per una attività di indirizzo che è in linea con quella del secondo anno della scorsa legislatura. Le Commissioni permanenti nel corso del 2019 si sono riunite 233 volte (148 le sedute dello scorso anno, 237 quelle del 2014) e le Commissioni speciali 59 volte, a conferma di una attività consiliare nella preparazione delle leggi e dei provvedimenti particolarmente intensa, che ha visto nel corso dell’anno anche l’istituzione di 31 gruppi di lavoro specifici all’interno delle singole Commissioni. Il 2020 si aprirà con due significative e attese “visite” e un incontro particolare. L’Aula consiliare di Palazzo Pirelli ospiterà infatti l’Arcivescovo di Milano Mario Delpini il 28 gennaio, la senatrice Liliana Segre il 18 febbraio e Alvin Berisha il 14 gennaio, il ragazzo lecchese di origini albanesi “rapito” dalla madre che lo aveva voluto con sé a combattere la jihad e che è stato liberato dopo delicate operazioni di intelligence. Iò Consiglio Regionale nel 2020 compie 50 anni. Al culmine di una stagione di grandi cambiamenti sociali e politici, nel 1970 i cittadini vennero chiamati alle urne per eleggere i loro rappresentanti regionali nelle giornate del 7 e dell’8 giugno. Era una stagione di grande partecipazione e anche in Lombardia la percentuale dei votanti fu enorme e si attestò oltre il 91 % (5.228.211 i voti validi). Il 6 luglio, con una riunione presso la sede provvisoria di Palazzo Isimbardi (Aula del Consiglio provinciale di Milano), si tenne il primo Consiglio regionale che, qualche giorno dopo l’insediamento, elesse il primo Presidente della Regione Lombardia: Piero Bassetti (28 luglio). Per sottolineare e celebrare l’evento, Regione Lombardia e il Consiglio regionale hanno in programma una serie di iniziative, che spaziano da mostre fotografiche e didascaliche a convegni e pubblicazioni, occasione non solo per ricordare cinquant’anni di storia, ma per stimolare soprattutto una riflessione sul regionalismo e su quanto si sta facendo per un rilancio del progetto dell’autonomia. Ricercando in particolare la partecipazione e il coinvolgimento dei giovani e delle scuole.L’Ufficio di Presidenza del Consiglio Regionale, composto dal Presidente Alessandro Fermi con i Vice Presidenti Francesca Brianza e Carlo Borghetti, i Consiglieri Segretari Giovanni Malanchini e Dario Violi si è riunito 39 volte (al 7 dicembre) per produrre 460 deliberazioni e trattare 200 comunicazioni e 118 informative. In totale, gli atti trattati dall’Ufficio di Presidenza sono stati 909. L’Ufficio di Presidenza ha inoltre firmato due progetti di legge. Il primo istituisce il Premio regionale di musica classica “Lombardia è musica”, con l’obiettivo di valorizzare la scelta di aprirsi all’esterno promuovendo diversi appuntamenti musicali durante l’anno, dando spazio a giovani talenti e scuole musicali del territorio. Il secondo progetto di legge (primo firmatario il Presidente Fermi) riguarda invece l’istituzione della “Giornata regionale per le Montagne lombarde”, che sarà celebrata la prima domenica di luglio di ogni anno. La volontà è quella di promuoveree valorizzare i territori montani e sostenere chi, in montagna, vive e lavora. Nel 2019 i patrocini concessi sono stati 286 (al 7 dicembre), di cui 77 gratuiti e 209 con contributo, 75 a favore di enti pubblici e 211 di associazioni. Il Consiglio regionale si è confermato anche nel 2019 nel segno della sobrietà e del continuo contenimento dei costi della politica, confermandosi il parlamento regionale che presenta i costi per la politica più bassi d’Italia (2,42 euro pro capite). Nel corso dell’anno è stata disposta una ulteriore riduzione delle posizioni dirigenziali previste dalla dotazione organica da 21 a 20 unità. Analoga operazione di razionalizzazione è stata fatta nell’area delle posizioni organizzative, che sono state ridotte dalle 38 unità iniziali alle 35 attuali. Ma l’Assemblea regionale lombarda si segnala anche come esempio e riferimento per la sua trasparenza: i provvedimenti, tutti gli atti di Ufficio di Presidenza e Segreteria Generale, tutti gli impegni di spesa, entrate e uscite del bilancio regionale, sono online in tempo reale. Nel corso del 2019 sono stati stipulati circa 70 contratti.  Con i risparmi della politica, sono stati attivati 35 tirocini formativi e di orientamento a favore di neolaureati, della durata di un anno, di cui 2 presso la sede di Bruxelles. In convenzione con PoliS Lombardia si sono concluse le selezioni per l’attribuzione di 4 borse di studio per attività di ricerca che verranno assegnate all’inizio del prossimo anno. È stata inoltre sottoscritta apposita convenzione con l’Università degli Studi di Milano per l’attivazione di 2 tirocini curriculari presso la Commissione speciale Antimafia. Da segnalare  per il suo significato, la rassegna “Ragazzi che concerto!”, con la partecipazione delle orchestre giovanili di Lombardia. in aumento per avvicinare i giovani alle istituzioniSono 187 gli istituti scolastici lombardi e 10.705 gli studenti che hanno aderito alle visite formative nell’Aula consiliare su ruolo e funzionamento dell’Assemblea legislativa. Dall’aprile 2019 il Consiglio si avvale della nuova figura del Garante regionale per la tutela delle vittime di reato, istituita con legge regionale (6 dicembre 2018, n. 22) che ha portato alla nomina di Elisabetta Aldrovandi. Il Corecom, presiedutoda Marianna Sala,ha ricevuto 12.604 richieste di conciliazione. Di queste 3.679 (29%) sono in attesa di udienza mentre 8.925 (71%) si sono già concluse. L’ufficio del Difensore regionale della Lombardia, Carlo Lio,ha ricevuto 1180 richieste di intervento sia sull’attività di Garante dei detenuti sia in ambito lavorativo, in particolare per l’assistenza di persone in difficoltà o portatori di disabilità.Per quanto riguarda il Garante per l’infanzia e l’adolescenza Massimo Pagani, di particolare rilievo è stata l’attività di formazione dei candidati tutori volontari per minori stranieri non accompagnati (MSNA), attività prevista dalla leggen.47/2017. Sono stati formati circa 450 candidati tutori volontari per i minori stranieri non accompagnati, che sono stati messi a disposizione dei Tribunali per i Minorenni di Milano e di Brescia.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here