Concorezzo, PD contro la rivoluzione viabilistica

0
412

CONCOREZZO – Continua a far discutere la “rivoluzione viabilistica” firmata dalla giunta Borgonovo a Concorezzo. Se la chiusura del primo mandato era stata segnata dallo ‘stravolgimento’ del centro storico, la nuova legislatura targata Lega-Forza Italia si apre con le profonde modifiche al traffico nel Milanino. Una scelta che ha fatto scattare le critiche da parte del PD locale che parla di “diversi gravi errori commessi dalla Giunta Borgonovo”.

“Innanzitutto il ritardo nella comunicazione dei cambiamenti previsti: solo pochi giorni prima del 14 luglio, di fatto contemporaneamente all’inizio dei lavori, sono apparsi cartelli informativi, in numero non sufficiente e difficilmente leggibili, a meno di essere a piedi. È poi da registrare la mancanza di segnaletica verticale: molti automobilisti brancolano alla ricerca di una via di uscita. È apparsa totale anche l’assenza di vigili, almeno negli orari di punta, nei giorni immediatamente successivi all’entrata in vigore della nuova viabilità. La rotatoria di via Dante non funziona: chi ha necessità di fare inversione verso il cimitero, o semplicemente ha un’auto di una certa lunghezza e deve svoltare a sinistra provenendo da via De Capitani, è costretto a fare manovra visto il raggio molto limitato della rotatoria. Una situazione che certamente preoccupa, dato il carico di traffico di questa importante arteria stradale” si legge in un comunicato diffuso dal Partito Democratico.

“Lungi dall’impedire l’attraversamento improprio, questo piano ha fatto di via Monte Grappa, via Trieste e via Garibaldi il nuovo attraversamento automobilistico in direzione di Vimercate e Malcantone, per non parlare di via Silvio Pellico, stretta, a doppio senso e con permesso di parcheggio, che, nell’idea dell’Amministrazione, dovrebbe fungere da congiungimento verso via Oreno e, di conseguenza, verso la S.P. 3 per Imbersago.
Infine, fatto ancora più grave, nessuna comunicazione in merito è stata recapitata ai cittadini residenti nel quartiere, al contrario di quanto era successo in occasione della modifica della viabilità nel centro storico. Tale scelta – conclude la nota del PD – non ha fatto che aumentare il senso di isolamentopercepito dai residenti, già determinato dalla maggiore difficoltà nell’attraversare via Dante a piedi e nel raggiungere Vimercate in auto”.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here