Città della Salute, firmato il protocollo per la legalità e la sicurezza

0
286

Questa mattina il Sindaco di Sesto San Giovanni Monica Chittò ha firmato, con i segretari generali di Milano di CGIL, CISL e UIL Graziano Gorla, Danilo Galvagni e Danilo Margaritella e i segretari milanesi di Fillea CGIL, Filca CISL e Feneal UIL Gabriele Rocchi, Andrea Bianchi e Enrico Vizza il “Protocollo di intesa per la tutela della legalità, della sicurezza, delle condizioni di lavoro nell’area del cantiere della Città della Salute e della Ricerca”. Il Protocollo ha l’obiettivo di definire modalità trasparenti per impedire il fenomeno del lavoro irregolare e garantire la piena applicazione dei contratti di lavoro, garantire il rispetto della disciplina in materia di sicurezza, salute e regolarità nei luoghi di lavoro, contrastare l’infiltrazione delle organizzazioni criminali nell’area del cantiere. “La Città della Salute è un’opera complessa, che caratterizzerà fortemente la città di Sesto sia in termini urbanistici sia in termini di crescita, sviluppo e mercato del lavoro di qualità. La firma di questo protocollo – ha commentato il Sindaco – è frutto di un percorso che vede l’Amministrazione protagonista in un progetto di grandi e complesse dimensioni sul suo territorio e del quale, però, non è committente e che vede molti attori privati e pubblici. Nel corso degli ultimi mesi sono stati organizzati diversi incontri pubblici e istituzionali su questo progetto di ricerca  e sanitario che vede diversi livelli di responsabilità e controllo, ma l’impegno che questa Amministrazione si è assunta è quello per la legalità e la trasparenza.”.

“Il protocollo – ha proseguito l’Assessore al lavoro Virginia Montrasio – è sia un punto di arrivo sia di partenza. Rappresenta l’arrivo di una lunga pratica di contrattazione iniziata nel 2007 con il protocollo per la sicurezza dei cantieri pubblici e privati della città alla quale si sono poi aggiunte tutte le esperienze di negoziazione degli ultimi anni sulle grandi opere. Pur non essendo noi i committenti, quello che accade a Sesto ci riguarda e vogliamo essere parte attiva di questo percorso: la sicurezza dei lavoratori, la legalità e la trasparenza ci riguardano da vicino”. Dal canto loro, le sigle sindacali hanno ribadito l’apprezzamento per la volontà di gestire al meglio tutte le fasi del cantiere della Città della Salute e la volontà di attivare accordi preventivi che, dove sono stati siglati, hanno contribuito – dati alla mano – a garantire cantieri rispettosi della sicurezza e della legalità.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here