Cinisello, polemiche sulla targa di Stefa Ebbasta

0
65

Un incontro con il sindaco per lanciare il suo nuovo disco e la posa di una targa in piazza dedicata a Gionata Boschetti, in arte Sfera Ebbasta, ha scatenato le polemiche in città. In particolare l’opposizione ha accusato l’amministrazione di innegiare a un artista che non sarebbe un bell’esempio da riprendere da parte dei giovani della città anche perché proprio durante un suo concerto in una discoteca di Corinaldo ci fu una vera e propria strage.

Ma l’Amministrazione Comunale non ci sta e ha tenuto a precisare che la targa è un’installazione promozionale temporanea, legata all’uscita del nuovo album “Famoso” dell’artista. Infatti è stata posata temporaneamente per 30 giorni in un’area centrale della città, lungo via Frova, davanti al Centro Culturale Pertini, posto frequentato da tantissimi giovani – secondo l’amministrazione è il riconoscimento che il celebre artista ha voluto dare a Cinisello Balsamo, la sua città di origine. Nella stessa ora, l’immagine dell’artista Cinisellese era presente a New York (Times Square), a Berlino, a Londra, a Milano, in un’operazione di visibilità internazionale anche attraverso il web.
Un “gioco” d’artista che il Comune di Cinisello Balsamo ha condiviso come scelta di marketing territoriale, data la fama internazionale di Sfera che, a prescindere dalla condivisione o meno del contenuto delle canzoni, è ad oggi il trapper italiano più conosciuto al mondo. Si precisa che tale installazione è ovviamente a tutti gli effetti artistica, anche perchè la legge vieta l’intitolazione di una via o una piazza ad una persona non deceduta da almeno 10 anni. “Era prevedibile che un’iniziativa di questo genere avrebbe diviso l’opinione pubblica, e non voglio entrare nella polemica che riguarda l’artista. Per noi, era un modo per arrivare al target giovanile che segue questo artista – ha spiegato il sindaco Giacomo Ghilardi -. Sono invece molto dispiaciuto che questo gesto sia stato inteso come offensivo per la memoria delle vittime di Corinaldo. Nella solidarietà totale per le gravi perdite di quell’incidente e nella vicinanza più sincera alle famiglie per un dolore che, anche da padre, immagino immenso e insanabile, credo però che non sia un tema collegabile, sia perché non è nostro compito determinare eventuali colpevoli, sia perché non siamo di fronte a un encomio civico (quest’anno, con orgoglio, la nostra prestigiosa onorificenza l’abbiamo attribuita a medici, infermieri e personale ospedaliero) ma ad un’operazione di marketing territoriale”.
 “Abbiamo colto questa proposta fattaci dalle agenzie di Sfera, anche perché Gionata è un ragazzo della nostra città, che è partito da un quartiere difficile e ha trovato la sua strada nella musica. Trovare la propria strada e perseguire i propri obiettivi con impegno e determinazione è il messaggio che vorremmo lanciare ai nostri ragazzi cinisellesi, sempre nel rispetto delle persone e del bene comune; questo il monito riportato nel mio discorso, in riferimento all’esempio, non come riferimento all’artista. I ragazzi di Cinisello Balsamo sono proprio quelli a cui abbiamo pensato; Sfera ha preso l’impegno a realizzare delle iniziative per i giovani suoi concittadini, la prima della quale è già stata avviata ed è uno studio di registrazione a disposizione dei ragazzi di Cinisello realizzato da Sfera in collaborazione con Adidas. Un ragazzo oggi famoso nel mondo, condivisibile o meno, che non ha dimenticato le sue origini”, ha concluso Ghilardi

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here