Cinisello, ok al teleriscaldamento in fase di ripresa

0
212

SMEC l’azienda proprietaria del teleriscaldamento di Cinisello Balsamo, dotato di un sistema per la generazione simultanea di energia elettrica e termica tramite l’utilizzo di due cogeneratori, ha deciso di aderire al servizio di Demand Response. Gestendo la propria produzione al fine di garantire il fabbisogno termico, il teleriscaldamento mette a disposizione la propria flessibilità elettrica che i due motori riescono a fornire alla rete per salvaguardare il sistema elettrico nei casi di necessità. Questo approccio dà la possibilità di generare valore dall’impianto anche d’estate, quando altrimenti non vorrebbe sfruttato.ENGIE Italia, player di primo piano dell’energia e dei servizi, oltre ad investire nelle nell’efficienza energetica e nell’energia pulita, partecipa in tutto il mondo allo sviluppo dei servizi innovativi di flessibilità, tra cui ha un ruolo chiave il Demand Response. ENGIE gestisce oggi più di 600 MW (Megawatt) e 300 siti in Europa, con potenza flessibile tra i 200 kW ed i 40 MW tra cui ospedali, supermercati, industrie ed aeroporti proprio grazie al Demand Response. Si tratta di un meccanismo grazie al quale le aziende possono mettere a disposizione la propria flessibilità elettrica tramite operatori come ENGIE Italia, adottato da circa un anno dall’impianto di Teleriscaldamento di Cinisello Balsamo, di proprietà di SMEC compartecipata al 90% da ENGIE. Questa formula può essere vista come una ‘valvola di sicurezza’ che aggiunge maggiore flessibilità e resilienza alla rete contribuendo all’affidabilità del servizio elettrico sia durante il lockdown che durante la fase denominata ‘dance’, l’attuale fase che vede alternarsi lockdown e riapertura, dove i consumi sono ancora più difficili da prevedere. Ma come? Non tutti sanno che la rete elettrica è un sistema complesso dove è fondamentale l’equilibrio tra domanda ed offerta. In Italia, la riduzione della domanda elettrica fino al -18% nella seconda metà di marzo rispetto al 2019 (dati gestore di rete) ha provocato una situazione di poca prevedibilità dei consumi. Le oscillazioni della domanda, che hanno caratterizzato il periodo di lockdown e che caratterizzano la fase ‘dance’, possono infatti risultare in squilibri del sistema elettrico che il gestore della rete deve correggere tempestivamente per assicurare la continuità della fornitura di elettricità. Il Demand Response è proprio uno degli strumenti che il gestore della rete utilizza per garantirci quel comfort che spesso diamo per scontato, la disponibilità continua di luce ed elettricità nelle nostre case.

A Cinisello Balsamo, ENGIE Italia è anche il gestore della rete di teleriscaldamento fornendo calore a oltre 130 condomìni (per circa 50 GWh all’anno) e garantendo alla città una riduzione di oltre il 25% delle emissioni di agenti inquinanti (CO2 e NOx) rispetto ai sistemi di riscaldamento tradizionali.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here