Cinisello, maxi blitz nei palazzoni di Sant’Eusebio

0
449
la Ndrangheta

Una importante operazione antidroga contro lo spaccio è stata compiuta con elicotteri e pattuglie alle 6 di questa mattina nei Palazzi a Sant’Eusebio.

Gli uomini della Polizia di Stato di Milano, coordinati dalla Direzione Distrettuale Antimafia hanno effettuato numerose perquisizioni e arrestato 12 persone, tra cui diversi personaggi di spicco delle famiglie che nel quartiere governano il traffico di droga e del gruppo di fornitori albanesi che importavano droga dall’Olanda. Nel corso dell’attività investigativa sono stati sequestrati circa 10 kg. di cocaina.

 

Al centro del blitz le ordinanze di arresto che sono emerse in due distinte indagini: la prima condotta a livello locale dal commissariato di Cinisello Balsamo e la seconda direttamente dalla Direzione Distrettuale Antimafia che ha ricostruito l’origine e il tragitto compiuto dalla droga che aveva il suo centro di diffusione proprio a Sant’Eusebio.

 

L’organizzazione criminale ha dimostrato, nel corso dell’indagine, di avere una struttura solida, organizzata per favorire il commercio di droga h 24 all’interno dell’agglomerato di case popolari, tra i cortili degli stabili ricompresi nel quadrilatero tra le vie Cilea, A. Da Giussano, Risorgimento e Giolitti, costituita da diversi soggetti “impiegati” in vere e proprie “turnazioni” per lo smercio della droga, per il deposito dei proventi dello spaccio, per la custodia, il confezionamento della droga e con il ruolo di “vedette”, finalizzato a monitorare l’eventuale arrivo di persone sospette o di pattuglie delle Forze dell’Ordine.

 

“Un altro duro colpo è stato inflitto alla criminalità che da oltre 30 anni traffica e fa affari in questo quartiere, frutto di un impegnativo lavoro e di un anno e mezzo di presidio costante da parte delle Forze dell’Ordine. Siamo di fronte ad una tra le operazioni più significative, anche se ogni singolo arresto dei precedenti è stato determinate per arrivare a questo risultato. Infatti la sola polizia di Cinisello Balsamo, nei primi due mesi dell’anno ha già eseguito 21 arresti in flagranza. Non consideriamo chiuso il lavoro, c’è ancora da fare per ripristinare la legalità tra i residenti per bene di questo quartiere che meritano giustizia e libertà”, queste le parole del sindaco Giacomo Ghilardi che ha seguito da vicino l’operazione

 

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here