Cinisello, patto per la sicurezza si torna ai vigili armati

0
252
Cinisello Balsamo, indagata sindaco Trezzi e marito

Ampliamento della videosorveglianza, collegamenti tra vari corpi di Polizia anche digitali, fotosegnalamento anche per la Polizia locale e probabile armamento dei Vigili. Una notizia clamorosa che va contro le politiche degli ultimi anni che hanno visto Cinisello come una delle poche città dell’hinterland ad avere i vigili disarmati con conseguenti polemiche.

Questi, oltre al potenziamento dei vigili di quartiere, sono i fondamenti del nuovo  “Patto per la sicurezza urbana” che è stato approvato dalla Giunta di Cinisello Balsamo. Si tratta di un documento che traccia gli obiettivi a medio lungo termine per la sicurezza e le relative azioni che l’Amministrazione comunale intende attivare per raggiungerli. .“Questo patto vuole dare una risposta concreta ad un tema sempre più cruciale per la vita sociale della nostra città, la sicurezza urbana: bene pubblico da tutelare costruendo in primo luogo un legame forte con la cittadinanza – ha spiegato il sindaco Siria Trezzi -. È un patto che vuole andare oltre il mero aspetto emergenziale della sicurezza per pianificare azioni e provvedimenti destinati a consolidarsi nel tempo”. Tra gli indirizzi indicati nel “patto”, vi è la volontà dell’Amministrazione di ampliare il sistema di videosorveglianza in città e, in quest’ottica, di attivare la connessione alla rete in fibra dei comandi di Polizia Locale, Commissariato di Polizia di Stato e Carabinieri. Nel documento viene evidenziata anche l’intenzione dell’Amministrazione di attivare un sistema di foto-segnalamento presso il Comando della Polizia Locale e di avviare l’iter procedurale per l’armamento del corpo di Polizia Locale, con particolare attenzione all’analisi dei rischi legati alla sicurezza degli operatori, per uniformare la strumentazione degli operatori di Polizia Locale di Cinisello Balsamo a quella del territorio della Città Metropolitana. Si sottolinea inoltre l’importanza del mantenimento in attività della figura del Vigile di Quartiere, con lo sviluppo di tale prospetto come Ufficio preposto al coordinamento della Polizia di Prossimità, e la possibilità di coinvolgere gli agenti della Polizia Locale nel nuovo centro antiviolenza dell’Ospedale Bassini.Non solo. Tra gli indirizzi dell’Amministrazione, si evidenziano quelli di proseguire nell’azione di mappatura delle attività produttive di piccola e media struttura a rischio ambientale, attraverso il Nucleo di Polizia Ambientale, e di ampliare la collaborazione per la sicurezza a livello sovracomunale, in particolare all’interno dell’area omogenea del Nord Milano, mutuando l’esempio dei “patti di sicurezza intercomunali” di altre realtà dell’area metropolitana milanese.Infine l’Amministrazione sottolinea inoltre l’intenzione di incrementare gli incontri sulla legalità rivolti ai cittadini e agli studenti: appuntamenti importanti, realizzati in collaborazione con gli istituti scolastici, le forze dell’ordine e le realtà del territorio, di contrasto a fenomeni come la violenza di genere, lo stalking, il bullismo e il cyberbullismo, oltre che di educazione ai rischi legati alla circolazione stradale. A questo proposito, con il coinvolgimento delle scuole, è in previsione anche la realizzazione di una campagna dedicata.

 

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here