Cinisello, il Sindaco Trezzi e il delirio dell’imam

0
516

CINISELLO BALSAMO – Doverosa, forse addirittura tardiva. La presa di distanza del sindaco di Cinisello Siria Trezzi dalle parole pericolose pronunciate dall’imam di Cinisello, Usama El Santawi, era ed è il minimo che un primo cittadino possa fare per la propria comunità di fronte a frasi che inneggiano all’odio e alla violenza.

Già, perché l’imam, nel corso di un’intervista pubblicata alcuni giorni fa dal Fatto Quotidiano,  commentando gli italiani che si uniscono ai terroristi islamici che tagliano le teste agli ostaggi “…sono da onorare, anche se oggi dicendo queste parole sembra di giustificare il terrorismo, invece no, dobbiamo fare dei passi indietro, capire che ci sono persone che soffrono realmente, non solo in Siria

E allora, più che una presa di distanze, forse serviva una ferma e tempestiva condanna, ma tant’è. Come ho già avuto modo di riferire, da tempo l’Amministrazione comunale ha interrotto i rapporti con l’Associazione presieduta da Usama El Santawy. Ribadisco che non è ammissibile un giudizio così sprezzante nei confronti del sistema democratico occidentale né giustificabile, soprattutto da parte di chi è nato e cresciuto nel nostro Paese. Nemmeno condivisibile è la stima espressa per chi decide di arruolarsi nelle file dell’Isis, neppure accettabile l’idea che la motivazione sia per riscattare l’umiliazione dei musulmani non riconosciuta dalle Istituzioni”. dichiara il sindaco.

Ci tengo a precisare che il signor El Santawy non risulta essere interlocutore delle persone di fede islamica per questa Amministrazione. Esistono, infatti, altre realtà nella nostra città che hanno con noi un dialogo aperto e hanno dimostrato la volontà di compiere un reale percorso di integrazione, partecipando attivamente e collaborando nelle attività presenti nei quartieri. E ciò a dimostrazione che i musulmani non vengono umiliati, semmai aiutati nel percorso di socializzazione. Ha aggiunto Siria Trezzi. E ci mancherebbe altro.

 

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here