Cinisello, i carabinieri sgominano la banda dei ladri d’auto

0
264

Stacavano le targe, sminuzzavano i pezzi delle vetture e riciclavano navigatori e qualsiasi oggetto elettronico all’interno. Poi ripiazzavano in altre province le vetture e il resto. Grazie ad un lavoro certosino dei carabinieri di Cinisello Balsamo, coordinati dal procuratore di Monza Vincenzo Fiorillo, è stata smantellata un’organizzazione criminale composta da 17 persone, 13 delle quali sono finite in carcere o ai domiciliari e per altre 4 delle quali il gip di Monza ha disposto l’obbligo di presentazione. Si tratta di italiani (solo uno marocchino), tutti pluripregiudicati, tra i 37 e i 65 anni, e risponderanno a vario titolo di associazione per delinquere finalizzata al furto, alla ricettazione e al riciclaggio. L’inchiesta è partita l’anno scorso dall’osservazione di un furto di una vettura nel parcheggio di un ristorante di Cinisello dalle telecamere di videosorveglianza. I militari di Cinisello ai quali era stato denunciato hanno osservato la banda al lavoro e poi l’hanno pedinata per mesi. Poi sono seguite altre denunce e il quadro ha iniziato a comporsi.  La banda rubava automobili tipo Bmw e Mercedes, ma anche utilitarie, tutte nella zona e su ordinazione riuscendo ad inibire gli allarmi. Poi le smontavano in due capannoni, situati a Limbiate e Lissone e ne rivendevano i pezzi ad autodemolitori compiacenti a Bergamo, Monza e Brianza, Como, Varese e Brescia dopo aver distrutto la scocca con il numero di telaio e la targa.I carabinieri hanno eseguito otto perquisizioni, ritrovando pezzi di targa sminuzzate.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here