Cinisello, farmaci e coperte per i senza tetto

0
238

CINISELLO BALSAMO –  Le nuove povertà, intese come casi di emarginazione sociale, di disagio familiare o di crisi lavorativa, sono uno dei temi che l’Amministrazione del Comune di Cinisello Balsamo ha affrontato in questi mesi con il coinvolgimento diretto e la stretta collaborazione del privato sociale.

In particolare è stato attivato un tavolo di confronto promosso dagli Assessorati Politiche sociali e Istruzione che conta l’appoggio di numerose associazioni partecipanti: Caritas, Gruppi di Volontariato Vincenziano, Coop. Progetto e Integrazione, Coop. Lotta Contro l’Emarginazione, Coop. Il Torpedone, Acli Quartiere Garibaldi, Coop. La Cordata, Croce Rossa Italiana Comitato Locale di Cinisello Balsamo, Protezione Civile sezione di Cinisello Balsamo,Cumse, Banco Alimentare di Muggiò, Centro della Famiglia, Anfass, Ass. Marse, Ass. La Svolta, Auser, AMF, GAD, Decanato Cinisello Balsamo, Banco Solidarietà Paolo Galbiati, Legambiente Cinisello, Anteas.

Nel contesto di questo progetto, sono già state presentate due iniziative. Banco farmaceutico solidale nelle farmacie comunali: nella giornata del 12 dicembre scorso, tutte le farmacie comunali di Cinisello Balsamo hanno reso disponibili all’acquisto i prodotti da banco con il 20% di sconto, poi destinati a tre organizzazioni locali: Cumse, Caritas e Anfass. L’iniziativa, che sarà ripetuta la prossima primavera, è stata accolta positivamente dai cittadini: nel corso della giornata sono stati raccolti 1100 euro.

Scalda la notte: promossa dalla Croce Rossa Italiana e dalla Protezione Civile e dalla Caritas per far fronte al freddo a cui saranno esposti i senza tetto nel corso dell’inverno, l’iniziativa ha visto un soddisfacente risultato. Lo scorso 15 dicembre sono state raccolti circa 170 capi tra maglioni e giacche, 53 coperte, 142 tra guanti, cappelli, calze e sciarpe e altri prodotti utili a proteggersi dal gelo.

“Come su altre problematiche, la collaborazione delle realtà di volontariato cittadino è indispensabile e preziosa. Ci permette di ottenere risultati concreti e soddisfacenti grazie alla loro conoscenza diretta dei bisogni” – ha affermato l’assessore alle Politiche sociali Gianfranca Duca -. “In aggiunta, per il numero limitato di persone senza fissa dimora presenti sul nostro territorio, abbiamo richiesto al Comune di Milano di valutare una possibile convenzione per garantire loro un riparo sicuro, mettendo a disposizione un contributo al servizio”.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here