Caporalato anche in Martesana, sequestrata un’azienda agricola

0
772
Ifinanzieri del Comando Provinciale di Milano hanno sequestrato un’Azienda Agricola di Cassina de’ Pecchi, del valore complessivo di oltre 7 milioni di euro, su decreto emesso dalla Procura della Repubblica del Tribunale di Milano, oggetto di successiva convalida da parte del Gip. Le indagini svolte dalla Compagnia di Gorgonzola infatti hanno consentito di portare alla luce un sistematico sfruttamento illecito della manodopera agricola a danno di circa 100 lavoratori extracomunitari. Gli accertamentihanno infatti permesso di rilevare anomalie nelle assunzioni e nelle retribuzioni dei dipendenti dell’aziendanonché evidenziato gravieperduranti violazioni delle norme che regolano l’impiego dei braccianti agricoli.In particolare, i lavoratori non solo erano obbligati a prestare estenuanti turni di oltre 9ore giornaliere, ma ricevevano una paga oraria di 4,50 euro, nettamente inferiore a quella minima prevista dal contratto collettivo nazionale.Inoltre, alla ingiusta retribuzione si aggiungevano degradanti condizioni d’impiego nei campi: i braccianti, infatti, soggetti alla continua vigilanza dei responsabili, erano costretti a sforzi fisici oltremodo gravosi, tesi a velocizzare la raccolta dei fruttiein spregio alle norme antiCovid-19sul distanziamento sociale.Approfittando delle condizioni di bisogno dei dipendenti mediante la minaccia che l’eventuale disobbedienza alle pressanti imposizioni datoriali avrebbe comportato sospensioni o licenziamenti in tronco, i titolari dell’azienda riuscivano a ridurre il costo della manodopera e massimizzare i guadagni. Eloquente era la prassi dell’assunzione in prova per due giorni senza alcun compenso a cui seguiva,discrezionalmente e senza alcuna valida ragione, l’allontanamento del bracciante. Con tale modalità i responsabili dell’azienda riuscivano, ulteriormente, a ridurre i costi complessivi e sfruttare i giovani extracomunitari bisognosi di lavorare.Al termine delle indaginisono state denunciate per il reato di intermediazione illecita e sfruttamento della manodopera7persone, tra i quali,oltre aidue amministratori,anchedue sorveglianti, due impiegati amministrativi e il consulente dell’azienda che predisponeva le buste paga.Alla luce delle risultanze dell’indagine, la Procura della Repubblica ha disposto il sequestro di tutti i beni della società,consistenti in53 immobili, tra terreni e fabbricati, 25veicolistrumentali e 3 conti correntie la nomina di un Amministratore Giudiziarioai fini della continuità aziendale nel rispetto delle leggi vigenti.Durante l’esecuzione del provvedimento, inoltre, i finanzieri, anche grazie al supporto di personale dei Vigili del Fuoco e dell’ATS di Milano, hanno potuto verificare le precarie condizioni di sicurezza e di igiene in cui i braccianti erano costretti ad operareovvero l’assenza di dispositivi di protezione individuale, di spogliatoi, di doccee di servizi igienici a sufficienza (era presente, infatti, unsolo bagno chimico esterno).Inoltre risultavano mancanti il piano di prevenzione incendiedil piano di emergenza. Veniva tra l’altro accertatoil precario deposito di diserbanti e fitofarmaci –sostanze che i responsabili facevano direttamente utilizzare ai braccianti,privi di ogni formazione, esponendoli, così, ad un grave rischio per la salute–nonché di generi alimentari destinati ad essere venduti ad operatori della grande distribuzione (sono stati, infatti, sequestratioltre 27.000 barattoli di marmellata esposti al sole).L’operazione di servizio testimonia l’attenzione della Guardia di Finanza a tutela del mercato del lavoro per contrastare, in particolare, le piùgravi forme di prevaricazione e sfruttamento in danno dei lavoratori dipendenti, specie se costoro si trovano in condizioni di particolare debolezza o bisogno.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here