Brugherio, l’opposizione di Bpe critica il Pgt nei quartieri

0
331

La partecipazione non è reale e dopo due anni e mezzo di studio, l’Amministrazione ha presentato un PGT vuoto, senza linee politiche di indirizzo, che si risolve in una serie di affermazioni scontate e dal valore altamente propagandistico.. Questa la dura critica che Brugherio Popolare Europea, con il suo consigliere comunale Roberto Assi, lancia contro il viaggio del sindaco Marco Troiano nei quartieri della città per raccontare il nuovo Pgt ed eventualmente raccogliere le istanze dei cittadini. «Questa Amministrazione usa la partecipazione come strumento di propaganda e nulla più – spiegano gli oppositori – la presentazione del PGT nelle Consulte ha messo a nudo ancora una volta l’incapacità della giunta Troiano, la sua lontananza dai problemi reali e quotidiani dei Brugheresi, l’arroganza e la saccenza con le quali si rapporta alla Città: tante prediche, tante parole e nulla di fatto».  Parole dure che riassumerebbero le lamentele raccolte nei vari quartieri dai cittadini. Secondo molti, che si organizzano in comitati per protestare, ammettono che questo Pgt provocherebbe, fra le altre cose, la congestione di alcune zone, specie residenziali, e lo svuotamento di altre più commerciali come ad esempio San Damiano;  arriverebbe a far chiudere numerosi esercizi commerciali con tutto ciò che consegue in termini di perdita di posti di lavoro e mancate entrate nelle casse comunali. «I Cittadini hanno inoltre contestato l’atteggiamento autoreferenziale della giunta e l’assoluta incapacità di ascolto mostrata da questa Amministrazione – aggiungono gli esponenti di BPE – A dir poco imbarazzanti sono state le risposte del sindaco Troiano: ad alcuni ha spiegato che le previsioni sulla viabilità, inscindibilmente connesse a quelle del PGT nonostante si sia cercato di sviare l’argomento, in realtà non saranno attuate tutte subito. Ad altri ha detto che non è il sindaco che stabilisce l’assetto della Città, ma  il Consiglio comunale. In pratica il sindaco ha scaricato le colpe delle sue decisioni sbagliate sul Consiglio comunale. Allora, nell’attesa di vedere Troiano votare contro ai piani da lui stesso predisposti, gli ricordiamo che le linee del PGT le dettano il sindaco e gli assessori; gli ricordiamo anche che il piano del traffico è stato adottato dalla giunta, cioè ancora una volta da lui e dai suoi assessori».

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here