Brugherio, il successo di Alessio Tavecchio nelle scuole

0
537

BRUGHERIO – Molto di più che un ciclo di incontri sulla sicurezza stradale. Il “tour” del campione paraolimpico di nuoto, Alessio Tavecchio, nelle scuole brugheresi è stato un momento di crescita importante per i ragazzi. Un ciclo di incontri iniziato lo scorso 9 gennaio all’istituto De Pisis che si chiude domani (martedì 18) è che è stato “un successo”.

La sua presenza nelle scuole brugheresi rappresenta un progetto del Piano Scuola, il “Progetto Vita”, condiviso dal settore Istruzione del Comune di Brugherio e dall’associazione umanitaria locale il Lions Club “I Tre Re”. Non a caso Giovanna Borsotti, vicesindaco e assessore alla partita, osserva: “Credo molto in questo progetto perché la prevenzione incomincia da piccoli”.

Alessio torna ai suoi ventitre anni e al momento in cui sta viaggiando in moto nel pieno rispetto del Codice della Strada: velocità regolare e casco integrale in testa. Il tutto precipita in un attimo: una piccola distrazione per alzare la visiera del casco ed ecco che non si accorge della profonda buca nella strada che lo fa catapultare a terra e gli procura una gravissima lesione al midollo spinale.

Tutto nel rispetto delle norme del Codice della Strada, dunque, ma è la strada a non essere a norma e per la disattenzione di un secondo “la vita sembra scivolar via…” Inutile dire che l’appeal sulla classe è tanto coinvolgente quanto emotivamente partecipato in una lezione che diventa interdisciplinare: educazione stradale certamente, ma anche nozioni di matematica, fisica e metafisica, anatomia, neurologia….

E alla fine Tavecchio, ormai semplicemente Alessio per tutti, non è più solo un campione sportivo cui chiedere l’autografo, ma è anche un campione di vita cui stringere la mano e che si congeda augurando un “Buon sogno a tutti!”.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here