Brugherio, Brambilla: le farmacie comunali scoppiano di salute

2
745

BRUGHERIO –  “L’attenzione all’aspetto economico e reddituale della gestione è fondamentale per mantenere l’azienda delle Farmacie Comunali di Brugherio sana e forte”, ha dichiarato Alberto Brambilla, presidente del CDA dell’azienda dal novembre 2013. “Efficienza, attenzione ai costi, gestione oculata delle risorse, massimizzazione dei risultati sono le linee guida a cui facciamo riferimento perché la nostra azienda possa far fronte all’impegno ordinario e straordinario con le proprie forze e offrire sempre un servizio affidabile e di alto livello ai cittadini”. Secondo dati non ancora ufficiali, nel 2013, l’azienda speciale ha conseguito un utile netto di circa 40mila euro a cui si aggiungono circa  30mila derivanti dagli affitti.

Le Farmacie Comunali di Brugherio sono molto attive, grazie al contributo fondamentale delle persone che ci lavorano, nell’offrire servizi ai clienti con giornate a tema, articoli d’informazione e con la relazione quotidiana con i cittadini. Le due Farmacie offrono, tra gli altri, il servizio di CUP (Centro Unico di Prenotazione), MOC (Mineralometria Ottica Computerizzata), autoanalisi, misurazione della pressione, ecc. Analizzando le voci di ricavo per tipologia di prodotto, le Farmacie Comunali di Brugherio mostrano una tendenza diversa rispetto al mercato, relativamente alla voce “commerciale” che comprende i parafarmaci e i farmaci da banco. Per le Farmacie Comunali di Brugherio il fatturato che deriva da questi ultimi è circa il 30% del fatturato totale, a fronte di un mercato in cui la stessa categoria di prodotti si attesta intorno a una media del 38,1%. Di contro, i farmaci in senso stretto costituiscono la parte preponderante del fatturato delle Farmacie Comunali di Brugherio (70%).

Nel prossimo futuro l’obiettivo del Cda è quello di utilizzare le risorse accumulate in questi anni per andare incontro alle esigenze che sono emerse in questi anni: per ovviare alla carenza di spazio espositivo nella Farmacia 1, il Consiglio di Amministrazione valuterà la possibilità di ristrutturare o affittare locali adiacenti per offrire servizi aggiuntivi e complementari. Per la Farmacia 2, si cercherà di prevedere la presenza di un pediatra e di un medico di base che possa servire la zona della Torrazza.

“Verrà data priorità alla formazione del nostro personale”, prosegue Brambilla. “Verificheremo poi la possibilità di offrire un servizio infermieristico al cittadino per la somministrazione di vaccini, medicazioni e iniezioni a prezzi concorrenziali presso le nostre Farmacie”.

 

2 Commenti

    • Chiederei al Presdiente Brambilla su quale bilancio approvato dal cda emerge l’utile che asserisce.
      Inoltre come può asserire che oltre all’utile bisogna aggiungere l’affitto….. che viene agato al comune. L’affito è un costo che la farmacia sostiene per la conduzione dei locali.
      Una buona per privatizzare le farmacie e toglierle dalle mani degli improvvisati.
      Massimo Pirola

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here