Brianzacque denuncia: ancora vandali alle case dell’acqua

0
228

Nuova raffica di furti e danneggiamenti alle case dell’acqua di Desio, Meda, Varedo e le due di Muggiò, esattamente le stesse cinque già prese di mira l’estate scorsa, chiuse il 21 settembre e  riaperte il 27 ottobre. Come già accaduto due mesi fa, i colpi di questi ultimi giorni, oltre al furto delle monetine hanno portato al danneggiamento delle apparecchiature interne dei self service che erogano H20 alla spina liscia, gasata, fredda e a temperatura ambiente. Per consentire la riparazione delle strutture elettromeccaniche finite in tilt, i vertici di Brianzacque, la public utility dell’idrico brianzolo che sul territorio provinciale gestisce 16 postazioni a cui presto ne se aggiungeranno altre 14, si è così vista costretta a interrompere nuovamente il servizio. E da questo pomeriggio, a distanza di neppure un mese, su ciascuna delle cinque casette è ricomparso il cartello con la scritta che annuncia alla popolazione la “sospensione” forzata dell’erogazione. «Siamo basiti. Le sistematiche razzie a cui vengono sottoposte le nostre casette sono inaccettabili – commenta l’Amministratore Delegato di BrianzAcque, Enrico Boerci (nella foto) – Siamo una società pubblica e per ripararle e farle ripartire, dobbiamo impiegare risorse pubbliche, soldi dei cittadini. Contiamo sull’attività degli inquirenti affinché riescano al più presto a risalire ai responsabili in modo che episodi di questo genere non abbiano più a ripetersi». Al momento, nelle altre “case” di Brianzacque rimaste in funzione, è ancora possibile spillare l’acqua utilizzando le monete ma, per evitare furti e incursioni vandaliche, dagli inizi dell’anno prossimo, le operazioni di riempimento delle bottiglie, saranno eseguibili solo ed esclusivamente con l’impiego di tessere ricaricabili attraverso totem, preferibilmente posizionati all’interno di Municipi e/o di altre strutture comunali. Le stazioni di ricarica serviranno anche per la distribuzione della tessere.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here