Brianza, Ville Aperte riparte con nuove chicche

0
700

Riprende il 17 settembre la quattordicesima edizione di Ville Aperte in Brianza, la manifestazione promossa dalla Provincia di Monza e della Brianza che permette di scoprire piccoli e grandi gioielli del patrimonio culturale  con aperture straordinarie e visite guidate. Sono stati 40 mila i  visitatori  dello scorso anno e per questo adesso l’offerta delle “tre Brianze”, con 21 nuovi beni aperti al pubblico per la prima volta è la grande novità . Quest’anno, che vede la Provincia impegnata nella trasformazione in Area Vasta, la kermesse culturale amplia i propri orizzonti, rafforzando la collaborazione con le Province di Lecco e di Como con 133 i siti pubblici e privati visitabili tra ville, palazzi, parchi e giardini, chiese e musei nel territorio, proposte turistiche a Km-zero di grande appeal. Le new-entry di Ville Aperte 2016 sono a Erba, la splendida Villa Amalia e la chiesa di S. Maria degli Angeli, oltra alla Villa Majnoni d’Intignano; Inverigo che propone una interessante visita guidata cumulativa tra il suggestivo viale dei Cipressi, il santuario di Santa Maria della Noce e Villa Cagnola “La rotonda”; Mariano Comense con Villa Sormani e Ponte Lambro con Villa Guaita. Per la Provincia di Lecco le novità sono: Annone di Brianza con la vista cumulativa che parte da Villa Cabella, fino a Villa Giani per proseguire alla Ghiacciaia di Villa Bondioli, Parco dell’antico borgo e Asilo Polvara; Montevecchia partecipa con il Santuario della Beata Vergine del Monte Carmelo, Villa Vittadini, Villa Agnesi Albertoni. Ci sono poi tutte le conferme in provincia di Monza e Brianza in particolare i Comuni di Brugherio e Lentate sul Seveso per il grande impegno nel costruire percorsi di visita ricchi e variegati. Il Comune di Vimercate propone anche quest’anno “Sotterranei, fortezze medievali”, un viaggio nei luoghi più nascosti della città per rivivere atmosfere e suggestioni di altri tempi. La città di Monza inaugura l’itinerario culturale europeo dedicato a Carlo IV nel Museo del tesoro del Duomo di Monza, mentre i Musei Civici della città accoglieranno il pubblico con visite guidate serali, tematiche e ad hoc anche per i disabili.  La Villa Reale di Monza offre un itinerario inedito nelle giornate 17-18 settembre e 1-2 ottobre: con un solo biglietto si potrà accedere alle sale situate al primo piano nobile, negli appartamenti privati di Umberto I e della Regina Margherita, arricchiti dalla collezione del mobilio originale recentemente ricollocato. Il percorso di visita proseguirà nella cappella Reale e Teatrino di Corte. C’è poi la filanda di Sulbiate che fa parte di un progetto del distretto culturale evoluto e che si inaugura il 24 settembre alle 16.30. Partecipare a Ville Aperte 2016 è facile. E’ possibile prenotare la visita guidata dal 7 settembre attraverso il sito web www.villeaperte.info oppure telefonicamente. Il costo del biglietto è di 4 € a persona, con eccezioni e sconti in base ai singoli beni. L’accompagnamento alla visita è curato anche da guide abilitate, ma non mancano progetti che prevedono il coinvolgimento degli studenti del territorio. Ci sono poi le app e la possibilità di connettersi in tempo reale. Ville Aperte 2016 ha già ricevuto il patrocinio istituzionale dal Ministero dei Beni e delle Attività Culturali e del Turismo, mentre si attende l’adesione del Presidente della Repubblica. Confermati i partner storici: Touring Club Italiano, FAI – Delegazione di Monza, ADSI Associazione Dimore Storiche Italiane, AIM – Associazione Interessi Metropolitani, UNPLI – Unione Nazionale Pro Loco Italiane, Italia Nostra – Sezione di Monza. Fondazione della Comunità di Monza e Brianza onlus ha contribuito concretamente alla realizzazione di questa edizione.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here