Brianza, i sindaci chiedono un incontro a Maroni per i trasporti

0
361

Nuova assemblea dei 55 Sindaci della Brianza per un  aggiornamento sul delicato nodo del trasporto pubblico locale: mancano 1,8 milioni di euro per poter proseguire il servizio fino alla fine dell’anno. Il Prefetto Giovanna Vilasi hacomunicato  di avere scritto una lettera al Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti, aprendo così un canale diretto per dare aggiornamenti costanti sulle criticità del territorio. Invece il presidente Gigi Ponti ha chiesto un nuovo incontro con Maroni e i 55 sindaci in risposta alla decisione di Maroni di rivedere le tariffe.  Per i brianzoli infatti l’Aumento delle tariffe non è praticabile. Regione Lombardia, con lo stesso decreto con cui ha assegnato le risorse, ha autorizzato le Province ad effettuare un aumento massimo tariffario pari al 5% degli introiti che per la Provincia MB corrisponderebbe circa a 460 milioni di Euro. “Anche se decidessimo oggi di aumentare le tariffe, come suggerito dal Presidente Maroni, – spiega Gigi Ponti – mancherebbero comunque all’appello oltre un milione di Euro. Senza contare che sarebbe necessario un accordo con la Città Metropolitana per rivedere il Sistema Tariffario, operazione esclusa a fronte dei tagli già attuati. Non posso pensare che i passeggeri, ed in particolare gli studenti, debbano sopportare nuove spese a fronte di un servizio che è dovuto.” A fronte dei 63 milioni di Euro a consuntivo nel 2014, la Provincia MB ha subito nel 2015 un taglio pari a 42 milioni e 400 nel 2016 un ulteriore taglio di 11milioni con un prelievo subito dell’84,2% del bilancio provinciale. «Chiediamo a Regione Lombardia un incontro diretto con i Sindaci e i rappresentati delle Associazione dei Pendolari – conclude Ponti – perché non possiamo nemmeno lontanamente pensare di far mancare al territorio un servizio così importante. Si apre anche il problema di capire cosa accadrà nei prossimi due anni visto che l’Agenzia sarà operativa solo nel 2018».

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here