Bollate – Intervista al Sindaco Stefania Lorusso

0
358

In questo numero vi proponiamo un’interessante intervista al Sindaco Stefania Lorusso, avvocato di area Pdl che nel 2010 strappò al centrosinistra una delle sue roccaforti.
Sulla vicenda della riqualificazione della Rho-Monza siamo ormai alle battute conclusive della predisposizione del progetto. Quale è il suo giudizio sull’opera?
“La nostra preoccupazione è quella che alla fine quest’opera possa far aumentare invece che migliorare il traffico, anche di attraversamento, sul nostro territorio. Per il Lotto 2, la situazione è buona: l’azione costante delle Amministrazioni coinvolte e della politica locale ha ottenuto importanti risultati di varianti che miglioreranno la viabilità e salvaguarderanno il territorio. Il Lotto 3 che verrà realizzato in buona parte in superficie, vede il territorio contrario, come il Lotto 1, che ha visto i sindaci unanimi nel loro no”.
Il Governo ha prorogato a fine novembre il termine per l’approvazione del Bilancio di quest’anno. Il Comune di Bollate lo ha approvato a luglio. Ci so- no state conseguenze  per le tante incognite ancora sul campo (dalla seconda rata dell’IMU al Fondo di solidarietà)?
“Siamo in una fase complicata, di attesa. Al momento non ci sono linee precise dal Governo centrale. Di conseguenza il Comune non può fare previsioni. Certamente dobbiamo solo sperare che non vengano attuati ulteriori tagli, altrimenti la sofferenza per gli enti locali diventerà sempre più difficile da gestire”.
Sempre in tema di bilancio uno dei temi più caldi è stato quello della manutenzione di scuole e palestre. Come è effettiva- mente la situazione ad inizio anno scolastico?
“Se consideriamo che l’approvazione del Bilancio di previsione è avvenuta a luglio, possiamo dirci soddisfatti di quello che è stato fatto nei due mesi estivi prima dell’avvio dell’anno scolastico. Abbiamo, infatti, provveduto a sistemare le aree esterne del plesso scolastico (elementare e media) di via Coni Zugna, le aree esterne della scuola di via Diaz, il rifacimento facciata esterna della scuola materna di via Madonna e i lavori di messa in sicurezza delle facciate di alcune scuole. Abbiamo inoltre avviato una collaborazione con i detenuti del carcere di Bollate e la nostra società di servizi Gaia, per tinteggiare, insieme ai genitori degli alunni, alcune aule della Scuola Primaria Rosmini”.
Quali sono i settori più penalizzati dal taglio di trasferimenti e su quali invece si è deciso di investire maggiormente?
“Abbiamo subito tagli piuttosto pesanti (circa 3,6 milioni di euro dal 2010 ad oggi). Ma siamo riusciti nel nostro intento di mantenere in essere tutte le attività. Nessun servizio è stato tagliato. Certo abbiamo dovuto ridurre alcuni costi, ma in modo proporzionale su tutti i settori, senza privilegiarne o danneggiarne alcuno. Abbiamo avviato notevoli economie, mantenendo però la qualità dei servizi prestati, con attenzione soprattutto alle fasce più deboli che oggi sono in grande difficoltà”.
I cantieri sul sito di Expo 2015 hanno subito un’accelerazione nel periodo estivo. Quali sono le principali questioni ancora aperte che investono direttamente o indirettamente il Comune di Bollate?
“Stiamo aspettando che partano i cantieri per la Via d’Acqua, che collegherà le Groane con il sito Expo con la riqualificazione del Canale delle 7 cascate e con una nuova rete di piste ciclabili. Bollate ha ottenuto da Expo il completamento della pista ciclabile sulla Varesina e, in ogni caso, la Via d’Acqua sarà un’occasione di valorizzazione del territorio e delle sue eccellenze culturali, come la Villa Arconati di Castellazzo e i siti celebrati da Hemingway. A ciò si devono aggiungere le iniziative portate avanti dal Patto di Nord Ovest per preparare il nostro territorio a essere la sede del “Fuori Expo”, ovvero delle iniziative culturali enogastronomiche e sportive che sappiano attrarre i visitatori dell’Esposizione”.
Considerata la vicinanza di Bollate al sito espositivo, quali potrebbero essere le opportunità di lavoro per i cittadini?
“Sempre con il Patto di Nord Ovest stiamo lavorando per il progetto “Crescita”, che ha l’obiettivo di valorizzare le imprese del territorio, presentando a tutte le delegazioni dei Paesi partecipanti i servizi, i prodotti e le eccellenze che possono offrire. Pensiamo che questo sia un ottimo mezzo per creare posti di lavoro, attraverso la possibilità di far lavorare le nostre imprese per l’Expo”.
Rispetto alla costituzione del primo embrione di Afol Metropolitana, attraverso la fusione in itinere tra Afol Milano e Afol Nord Ovest, quale è la posizione del Comune di Bollate?
“Come ho avuto modo di dire pubblicamente poche settimane fa al Presidente Podestà, la mia Amministrazione resta coerente con la scelta fatta un anno fa di uscire dall’Agenzia, ma si dichiara disponibile a valutare con attenzione, quando ci saranno e ci verranno presentate, le proposte di intervento della nuova Afol in materia di lavoro. Attendiamo, insomma, di vedere il Piano industriale. Solo allora potremo sapere se ci sono motivi concreti per ritornare in Afol. Fedele a questa linea, la mia Amministrazione non ha sottoscritto, lo scorso 10 ottobre a Palazzo isimbardi il protocollo per l’adesione ad Afol metropolitana. È una questione di coerenza. Siamo usciti da Afol perchè, com’è strutturata, l’Agenzia non riesce a rispondere ai bisogni dei nostri concittadini, soprattutto di quelle centinaia di persone che si rivolgono ai nostri uffici per impieghi non qualificati. Oggi stiamo valutando soluzioni alternative per le nostre politiche del lavoro. Certamente valuteremo anche le nuove strategie di Afol, ma non in modo aprioristico. Afol, al contrario si legge ‘lo fa’. Se avremo concrete rassicurazioni sul fare e sui concreti interventi per dare lavoro a chi lo cerca, saremo ben lieti di aderire al protocollo in un secondo momento. Vogliamo concretezza e vogliamo sapere che l’investimento delle nostre risorse economiche (37mila euro all’anno per il Comune di Bollate) porti a un ritorno di efficienza e concretezza per il lavoro nel nostro territorio”.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here