Basta passeggiate! Stretta a Sesto e Cinisello insieme

0
68

Niente più piste ciclabili e biciclette, salvo che per andare al lavoro, fare la spesa e acquistare farmaci. Sono vietate le attività motorie all’aperto, anche individuali, come per esempio jogging, passeggiate, giochi. Questi alcuni dei provvedimenti della nuova ordinanza congiunta dei sindaci di Sesto e Cinisello per limitare il contagio da Coronavirus. A Cinisello Balsamo nuove norme d’uso anche per le aree cani: non si potrà entrare in più di due persone per volta e per un massimo di 10 minuti a testa, bisognerà scegliere l’area più vicina alla propria abitazione e in caso di controllo da parte delle Forze dell’Ordine, sarà necessario dimostrare la proprietà dell’animale o essere muniti di autocertificazione per giustificare l’uscita. A Sesto San Giovanni, dove le aree cani sono chiuse, i cani potranno essere portati in giro solo nelle strette vicinanze dell’abitazione del padrone, e non oltre i 100 metri di distanza.Non si potrà sostare in nessuna area pubblica o privata, compresi gli spazi comuni condominiali; l’unica eccezione riguarda le aree antistanti gli esercizi commerciali per la vendita dei prodotti previsti dal Decreto dell’11 marzo 2020. Nuove disposizioni anche per quel che riguarda l’acquisto di generi alimentari e di medicinali: potrà andare a fare la spesa solo un componente del nucleo familiare, evitando però di recarsi al supermercato quotidianamente. A Cinisello Balsamo è prevista inoltre la chiusura anticipata delle attività di vicinato presenti sul territorio alle ore 18,00. “L’appello di restare a casa il più possibile va ripetuto con più forza, da qui la scelta di firmare questa nuova ordinanza. Il fatto che questo provvedimento rappresenti un accordo congiunto tra le nostre amministrazioni comunali – commentano il sindaco di Cinisello, Giacomo Ghilardi, e il sindaco di Sesto San Giovanni, Roberto Di Stefano – dà ancora maggior forza alla misura. Non c’è più tempo, è il momento delle decisioni drastiche e dolorose. Sappiamo di chiedere tanto a tutti, ma non si può fare altrimenti: ancora ultimamente troppe persone non hanno capito la gravità della situazione e non possiamo permetterci che per colpa di costoro sia messa a repentaglio la salute della popolazione. Se tutti rispetteremo queste regole, in ogni minimo dettaglio, ne verremo fuori e saremo orgogliosi di esserci dati una mano in un momento così complicato. Ve lo ripetiamo ancora: state a casa muovetevi solo per motivi di lavoro, salute o per necessità stringenti. Solo così potremo mettere alla porta il virus e tornare alla normalità il prima possibile”. hanno detto Roberto Di Stefano e Giacomo Ghilardi.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here