Ballottaggio, Di Stefano: alla Chittò non interessa la sicurezza ,a

0
396

«Una delle mie principali priorità, una volta diventato sindaco, sarà quella di incontrare il governatore Maroni e il Prefetto per formalizzare nero su bianco la costruzione del nuovo Commissariato di Polizia a Sesto nei pressi della nuova stazione ferroviaria nella zona in cui le ex aree Falck costeggiano via Mazzini». Lo assicura il candidato sindaco del centrodestra a Sesto Roberto Di Stefano che ha poi precisato: «Un accordo che peraltro avrebbe dovuto aver già sottoscritto Chittò e invece non ha fatto e così vale per la richiesta del supporto dei militari dell’Esercito a sostegno dell’ottimo lavoro che carabinieri e polizia, insieme a guardia di finanza, svolgono quotidianamente sul territorio sestese. Penso ad esempio, come tra l’altro succede a Milano e in altri comuni, a pattuglie posizionate in zone strategiche come le fermate della metropolitana o la stazione ferroviaria. Perché per me e per tutte le persone le forze dell’ordine sono sinonimo di sicurezza e di tranquillità». Chi ha governato Sesto ha richiesto il sostegno dell’esercito solo per spalare la neve. Per noi la sicurezza è una priorità, sempre e comunque, per loro è un fastidio, un tema secondario rispetto al loro unico sogno: la più grande moschea del Nord Italia a Sesto San Giovanni.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here