Arriva anche a Seregno la casa dell’acqua

0
317

SEREGNO – «Promuovere l’acqua pubblica fa parte di un processo educativo che non solo fa risparmiare i cittadini, ma li spinge anche a comportamenti ecologici virtuosi». Con queste parole il SindacoGiacinto Mariani, accompagnato dal sindaco dei ragazzi Andrea Bassi delle scuole «Mercalli», ha inaugurato pochi giorni fa la «Fonte del Comune», la casa dell’acqua posizionata nel parcheggio di via Bellini (angolo via Donizetti), nel quartiere Lazzaretto.

La «Fonte del Comune» è una «stazione di rifornimento» pubblica che offre ai cittadini acqua naturale e gasata, fredda o a temperatura ambiente, a 5 centesimi al litro. L’acqua potrà essere acquistata pagando con le monete o con una card che i cittadini potranno ottenere, versando una cauzione di 3 euro, presso l’Ufficio Relazioni con il Pubblico di via Umberto I, 78, dove sarà collocato un apposito distributore.

«La “Fonte del Comune” – spiega l’assessore ai Parchi, all’Ecologia e all’Ambiente Flavio Sambruni, che ha fortemente sostenuto il progetto – è un gesto di attenzione del Comune verso i temi ambientali, in particolare l’utilizzo di una risorsa fondamentale come l’acqua pubblica. Questo nuovo servizio, inoltre, consentirà anche un risparmio economico importante per molte famiglie in un momento di crisi come quello che stiamo vivendo».

«L’acqua che della rete idrica cittadina – sottolinea Flavio Sambruni – arriva alle case dell’acqua è strettamente controllata, essendo trattata con un sistema di filtri ai carboni attivi che impedisce l’eventuale proliferazione batterica, rimuove il cloro, i sapori e gli odori sgradevoli e fornisce un’acqua di alta qualità, senza intaccarne le principali caratteristiche organolettiche. L’Amministrazione comunale ha impegnato 10 mila euro, poco meno della metà dell’investimento complessivo coperto da un bando dell’Ambito Territoriale Ottimale Monza e Brianza; una cifra sei volte inferiore a quanto stimato da una prima previsione».

Tutta l’acqua della rete che arriva alle case dell’acqua è strettamente controllata. Brianzacque pubblica sul proprio sito web (www.brianzacque.it) un bollettino che, per ciascuno dei Comuni serviti, indica i risultati dei parametri delle analisi di laboratorio, permettendo così ai cittadini – consumatori di controllare la qualità della risorsa idrica fornita dalla rete municipale. In più l’acqua della «Fonte del Comune» è trattata con un sistema di filtri ai carboni attivi che impedisce l’eventuale proliferazione batterica, rimuove il cloro, i sapori e gli odori sgradevoli e fornisce un’acqua di alta qualità, senza intaccarne le principali caratteristiche organolettiche.

L’Amministrazione comunale ha impegnato 10 mila euro, poco meno della metà dell’investimento complessivo coperto da un bando dell’Ambito Territoriale Ottimale Monza e Brianza. «Stiamo realizzando 8 case dell’acqua in Brianza, di cui una qui a Seregno, ha dichiarato il vice presidente di ATO MB Adriano PolettiNei prossimi anni ne realizzeremo altre 20, con l’obiettivo di coprire tutti i Comuni della Brianza. La “Casa dell’Acqua” serve a far comprendere ai cittadini che l’acqua pubblica è buona, che va protetta e usata con intelligenza».

L’area di via Bellini è stata individuata per la possibilità di collegare la struttura all’acquedotto, oltre che per la presenza del parcheggio da dove ogni giorno passano centinaia di persone. Non solo gli abitanti del quartiere, ma anche chi si reca al mercato del sabato o a quello del mercoledì e i pendolari che vanno in stazione. Infine l’area è interamente video sorvegliata.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here