Ambulatori chiusi in Lombardia

0
284
Sanità Lombarda

Alla fine la decisione, da tanti operatori sanitari invocata, è arrivata: in Lombardia anche gli ambulatori pubblici e privati sono chiusi. A meno che non si abbiano casi urgenti e malati cronici indifferibili. La decisione del Governo su richiesta della Regione è stata presa per recuperare medici e infermieri da utilizzare nei reparti di terapia intensiva e pneumologia. La disposizione sarà operativa su tutto il territorio regionale a partire da lunedì 9 marzo. I medici di base potranno prescrivere solo le visite ritenute «urgenti «Ogni giorno abbiamo 200 persone in più da ricoverare nei nostri ospedali. Se abbiamo personale, riusciamo ad aprire più posti letto, ricoverare i malati e reggere l’urto», ha spiegato l’assessore regionale Gallera. Il provvedimento durerà un paio di mesi in via straordinaria, finché l’emergenza non rientrerà. Fino al giovedì 5 marzo i dati del contagio erano: 2.251 casi positivi di coronavirus (+431 in un giorno), di cui 1169 ricoverati, 244 in terapia intensiva, 364 in isolamento domiciliare. I dimessi e guariti sono 376. I deceduti sono 98 (+ 25 in un giorno). Entro il 22 marzo si raggiungerà il picco dei contagi di 8 mila casa. Imporatnte appena si ha la febbre rimanere a casa e seguire le regole caldeggiate dal Governo e dall’Oms.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here