Alunno col gesso a casa, l’ascensore della scuola non funziona

0
616

Sesto San Giovanni, scuola Masrtiri della Liberta. Da tempo l’ascensore non funziona e malgrado le lettere dei genitori e la raccolta di firme da uno di essi organizzata, le cose sembrano non cambiare. E ultimemente il caso è scoppiato perché un alunno è rimasto infortunato e ha dovuto indossare un gesso, ma purtroppo sembra sia stato invitatto a stare a casa fino alla guarigione proprio a causa dell’ascensore guasto. Un caso che è arrivato anche in Consiglio Comunale dove il capogruppo di Forza Italia Roberto Di Stefano ha presentato un’interpellanza. «Sulla vicenda dell’ascensore che dalllo scorso anno funzionava a singhiozzo dal 2015 e che si è guastato definitivamente nel febbraio di quest’anno a capisco la rabbia dei genitori, il Comune deve garantire il diritto allo studio dei bambini ed un’ascensore rotto a scuola per diversi mesi è inaccettabile». Nell’interpellanza urgente al Sindaco Chittò e nella diffida al Comune di Sesto affinchè venga ripristinato il prima possibile l’ascensore alla scuola Martiri e consentire a tutti i bambini di accedere alle aule si specifica che la situazione è ai limiti dell’assurdo.  «E’ inaccettabile questa vicenda, continua Di Stefano, l’ascensore avrebbe dovuto essere riparato in occasione del referendum, poi è arrivata  la promessa dell’assessore ai lavori pubblici, Mauro Bernarsi, di sistemarlo per fine aprile e nel frattempo ad un bambino ingessato è stato consigliato di stare a casa. C‘è chi non ha potuto scendere in mensa a mangiare con i propri compagni per evitare di fare un sali e scendi con le stampelle, ci sono genitori che per problemi di deambulazione non hanno potuto partecipare alle riunioni di classe dei propri figli». Intanto gli uffici tecnici hanno fatto sapere che ci vorranno ancora tre settimane prima di decidere l’appalto e poi si faranno i lavori. «Spiace constatare che il Sindaco sia impegnato più nella campagna elettorale a organizzare brindisi e tagli di nastro che a garantire il diritto allo studio a bambini con difficoltà motorie. Inoltre la situazione diventa surreale se si considera che nonostante da febbraio i genitori abbiano segnalato più volte il problema e da oltre un anno gli ascensori funzionano a singhiozzo, il Comune non sia stato in grado di intervenire e risolvere il problema – continua il forzista –  Esiste più in generale un tema delle manutenzioni del patrimonio pubblico scolastico».

 

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here