Al Pirellone una mostra per le donne

0
545

Inaugurata a Palazzo Pirelli a Milano la mostra fotografica “Io non ho paura” dedicata alle sfide delle donne davanti alla malattia del cancro.
Il progetto e l’idea alla base di “Io non ho paura” sono stati sviluppati in seguito all’incontro tra l’estetista APEO Francesca Cecconi, il fotografo Leonardo Perugini e tante donne in terapia oncologica, fotografate davanti a uno specchio a due vie mentre compiono gesti quotidiani per il proprio benessere e la cura di sé, pur in un momento così critico della propria vita. “Questa mostra è un’ulteriore testimonianza concreta del grande cuore della Lombardia, il volontariato è una straordinaria risorsa di questa regione e non finiremo mai di ringraziare abbastanza le associazioni e le persone che mettono in campo idee nuove e le coltivano con grande passione e dedizione quotidiana. La volontà di non arrendersi mai e la disponibilità a lottare che animano tante donne nella loro battaglia contro il cancro, in questi scatti fotografici è evidenziata e rappresentata in modo straordinario, suscitando in ciascuno di noi motivi di profonda riflessione su come, accanto ai progressi della scienza e della ricerca, anche la componente psicologica sia altrettanto importante per contrastare lo sviluppo della malattia”, ha sottolineato il Presidente del Consiglio regionale della Lombardia Alessandro Fermi
Alla cerimonia inaugurale sono intervenute anche il Consigliere regionale Elisabetta Strada, che è stata proponente dell’iniziativa patrocinata dal Consiglio regionale, laPresidente dell’Associazione Professionale di Estetica Oncologica A.P.E.O. Carolina Ambra Redaelli e la co-fondatrice di A.P.E.O. Loretta Pizio.“Promuovere questa mostra in Regione è stato per me naturale –ha sottolineato Elisabetta Stradasoprattutto in considerazione del mio impegno costante per la valorizzazione delle breast unit e del benessere psico-fisico delle donne malate di tumore. Sentirsi belle e femminili, in particolare quando se sottoposte a cure molto pesanti, è parte importante del processo di guarigione e cercherò di sostenere un’estetista oncologica in ogni breast unit”.
La mostra è stata curata da Leonardo Perugini, il fotografo che ha realizzato le immagini. “Le donne che hanno posato per questo progetto –ha spiegato Peruginisono uscite da questa esperienza rafforzate perché, come diceva lo stesso Veronesi che per primo ha appoggiato la figura dell’estetista oncologica, è più facile togliere il tumore dal corpo che dalla mente”.
A.P.E.O. è un’Associazione Professionale di Estetica Oncologica che focalizza l’attività delle proprie estetiste proprio sulla qualità di vita delle pazienti oncologiche. L’obiettivo è migliorare la qualità della vita dei pazienti formando estetiste in grado di effettuare trattamenti di bellezza e di benessere su donne che si trovano in terapia oncologica.  “Sapere cosa accade al proprio corpo, imparare a rimediare agli effetti secondari delle terapie  -ha ricordato Carolina Ambra Redaellisono aspetti fondamentali della routine quotidiana per ritrovare il benessere della persona”.Allestita nel foyer di Palazzo Pirelli, l’esposizione sarà aperta al pubblico, con ingresso libero, fino a giovedì 5 marzo con i seguenti orari: lunedì – giovedì: 9.30-12.30 e 13.30-17.30; venerdì: 9.30-13.00.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here