Al Binario 7 l’Open di Agassi va in scena coll’Invisibile Kollettivo

0
124

«Odio il tennis, lo odio con tutto il cuore, eppure continuo a giocare, continuo a palleggiare
tutta la mattina, tutto il pomeriggio, perché non ho scelta.  Per quanto voglia fermarmi non ci riesco.  Continuo a implorarmi di smettere e continuo a giocare, e questo divario, questo conflitto,  tra ciò che voglio e ciò che effettivamente faccio mi appare l’essenza della mia vita…».
Invisibile Kollettivo porta in scena al Binario 7 di Monza “Open”, la contraddittoria biografia della star del tennis Andre Agassi, un vero e proprio romanzo di formazione di grande profondità pubblicato nel 2009 e presto diventato un best seller.Open delinea un percorso faticoso e avvincente che cerca di illuminare le piste sorprendenti e inattese che hanno portato Agassi a ritrovarsi, abbandonando le maschere a lui attribuite – prima dalla famiglia, poi dai fan e dallo star system. Un padre ossessivo e brutale che lo vuole numero uno al mondo, allenamenti disumani contro il “drago sputapalle”, una carriera lunga vent’anni e mille match, imprese memorabili, parabole discendenti. La favola contemporanea di un bambino che ha fatto della sua vita l’incarnazione del sogno americano. La storia viene raccontata per blocchi: il padre, l’incontro con l’allenatore, le prime crisi, la caduta dei capelli, gli avversari storici come Pete Sampras e la scelta del ritiro nel 2006. Dalla conflittualità al punto di arrivo del libro, quando Agassi scrive: «Non mi sono trasformato nel corso del tempo, mi sono formato». Il suo percorso è la scoperta di un destino, che per lui si compie quando il tennis diventa finalmente un gioco e non più un’imposizione. In programma su prenotazione sabato 22 e domenica 23 maggio,  info www.binario7.org

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here