Agrate, lavoratori St e Micron ancora in agitazione

0
389

AGRATE BRIANZA – Non c’è pace per i lavoratori degli stabilimenti agratesi di St e Micron, il rischio di restare senza lavoro incombe ancora. Per questo, venerdì 7 marzo nuovo sciopero di 8 ore con presidi davanti a tutti gli stabilimenti italiani di St Microelectronics e Micron.

Micron ha riconfermato la volontà di licenziare 419 lavoratori senza nemmeno dare garanzie sul mantenimento delle attività in Italia. Ci preoccupa inoltre la situazione per St: il governo uscente ha rimesso sul tavolo la possibilità di cessione della quota pubblica di controllo – dichiara in una nota il Segretario generale aggiunto Fim Cisl di Monza e Brianza, Gianluigi Redaelli -. Il piano di investimenti annunciato da st per l’italia nel luglio 2013 – già giudicato del tutto inadeguato sui tempi di attuazione – non è ancora partito!

“Il governo – continua Redaelli – deve impegnarsi affinché micron resti in italia e ripensi radicalmente il suo piano di esuberi. a questo punto la trattativa deve avere una svolta! Chiediamo al governo ed st di assumersi le proprie responsabilità rispetto alle garanzie previste negli accordi di cessione del ramo delle memorie.

 

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here