Addio Brebemi, ad Agrate è meglio…

0
393

AGRATE BRIANZA – Potremmo ribattezzarla, in maniera un po’ impropria ma efficace, la “scorciatoia d’Agrate”. Da pochi giorni è stata inaugurata la nuova arteria viabilistica che collega Milano a Brescia, la Brebemi. Ed è già polemica. Sul banco degli imputati finiscono i pedaggi. Un esempio su tutti: percorrere l’autostrada A4 per i quasi 80 km che dividono il casello di Brescia Ovest dalla barriera di Milano Est costa ad ogni automobilista 6,30 euro. Fare più o meno la stessa tratta, ma con la Brebemi costa 12,40 euro, quasi doppio: senza contare che il tragitto s’allunga così di un’altra decina di km, forse qualcosa di più. E allora che fare? Intasare di nuovo l’Autostrada  Milano-Brescia senza sfruttare la nuova via? Se si guarda al portafoglio la Brebemi è off limits.

La scelta più economica la conoscono bene gli abitanti di Agrate e Carugate. Per i pendolari che ogni mattina da Brescia e Bergamo si dirigono verso il capoluogo lombardo basta prendere l’A4, uscire ad Agrate Brianza e reimmettersi sulla Tangenziale Est dalle parti di Carugate. E la sera viceversa: come si evita di pagare il casello di 1,60 euro? Si esce a Carugate, in corrispondenza di Carosello ed Ikea e si rientra dalle parti di Agrate pochi chilometri più in là. Il risparmio è reale. Si passa da 6,60 a 4,90 euro a tratta. Calcolando 5 giorni lavorativi settimanali si possono risparmiare quasi 70 euro ma... c’è sempre un ma. Le code che potreste trovarvi davanti sono spesso chilometriche.

Tempo o soldi? Coda o casello? Questo è il dilemma. Già perché la sera, dopo le 17, l’uscita di Carugate è spesso presa d’assalto e il mettono lo stesso vale per quella di Agrate. Ma alle volte la coda inizia anche in corrispondenza del casello. Immancabili gli avvisi di traffico intenso fino a Milano Lambrate. La verità è che il serpentino – il più delle volte, si forma dalle parti dell’uscita di Cernusco-Brugherio e prosegue fin dopo l’uscita di Milano Palmanova. Pochi chilometri che però possono costare anche un’ora. A voi la scelta.

 

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here