Addio a Francesco Magni, cantautore della Brianza

0
65

Il cantautore Francesco Magni, è morto il 12 Gennaio a Briosco, a 72 anni. Una notizia che ha sconvolto il mondo culturale brianzolo e non solo al quale il chansonnier era profondamente legato. Magni era noto al di là della sua terra infatti nel 1980 partecipò al Festival di Sanremo vincendo con “Voglio l’erba voglio” il premio come miglior rivelazione del festival ovvero l’ antesignano del premio della critica che partì dal 1982. Magni lascia la sua Brianza, e alle spalle una lunga carriera che lo ha portato a collaborare con artisti come Nanni Svampa, Moni Ovadia  e i Matia Bazar. Instancabile menestrello ha continuato a scrivere ed interpretare le sue canzoni, l’ultimo disco “Maramao… non era morto” era appena uscito a dicembre. “Magni – così lo ricorda il consigliere regionale leghista Alessandro Corbettaè stato un vero precursore, denunciando già dagli anni ’70 i pericoli a cui andavamo incontro con l’urbanizzazione e la rinuncia alla campagna e ai suoi valori. Il suo messaggio controcorrente si afferma ancora oggi con forza, così come la riscoperta delle lingue locali, immenso scrigno di cultura e di umanità”.La stessa Regione Lombardia a Novembre lo aveva insignito del prestigioso Premio Rosa Camuna, con questa motivazione: “Cantautore ironico e profondo conoscitore dell’animo umano. Con la sua produzione artistica e le sue composizioni in dialetto ha saputo raccontare e farci amare le storie popolari e i personaggi dell’amata Brianza”. Il menestrello della Brianza, come è stato definito, amava insegnare musica ai bambini delle elementari con atmosfere che sanno di terra e temporali, ruvide antiche ballate, raffinati camei, perfetti strampalati scioglilingua e la sua voce che il tempo arrotonda come un vino passito:  “ La parlada l’è la mama, la scritura l’è la zia, el rest domandel a la sciura Maria,  Francesco Magni.

La mia terra, un testo di Francesco Magni

La mia terra la va in malora / cont la roggia, el ciel, el praa/ la mia terra la va in malora/ ghè pù nient, pù nient de faa.// In del foss, ghè pù una rana,/ e i ratt fan no graa gra/ el me Lamber l’è una fogna/ marmelada in mezz ai caa.// E in cort ghera, ghera la gainna/ che l’andava adree al porscell,/ se mangiava la cazzoeula/ se beveva el pincianell/ e se brusava la giubiana/ per podè cataa i liritt/ e portaghi a la Madona/ poeu corr via giuga’ a pee biott.// Ma la mia terra la va in malora/ cont la roggia, el ciel, el praa/ e la mia terra la va in malora/ ghè pù nient, pù nient de faa.// E pù nissun mett via i tomates/ pù nissun mett giò el furment/ cerchem minga de sconfondes/ l’abbondanza d’un bel nient/ e ghè restaa una quai veggeta.// Ma la mort ie porterà/ in un camp lenzoeu de foeuja/ tutt orlaa de margherit.// Ma la mia terra la va in malora/ cont la roggia, el ciel, el praa/ e la mia terra la va in malora/ ghè pù nient, pù nient de faa.// …… Un quai coss bisogna faa.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here