Acqua pubblica nei condomini di Monza

0
479

Dopo le piazze e le strade, le case dell’acqua varcano la soglia di casa. E’ quel che accadrà a breve a Monza, grazie ad un protocollo di intesa siglato tra BrianzAcque e il Comune per celebrare la Giornata Mondiale dell’Acqua, istituita dall’ONU nel 1992. L’innovativa partnership tra i due soggetti pubblici è volta a testare in via sperimentale l’utilizzo dei self service idrici, che dispensano acqua alla spina nelle versioni liscia e gassata, all’interno di contesti abitativi privati. Una scelta che si colloca nell’ambito degli interventi di promozione dello sviluppo ecocompatibile del territorio attraverso l’incentivazione dell’utilizzo ottimale e consapevole dell’“oro blu” oltre alla riduzione dei rifiuti. E’ la prima volta che un gestore pubblico dell’idrico locale e un Comune realizzano sinergie per dar vita ad un progetto di importanza così straordinaria, in cui l’acqua rafforza e sperimenta sul campo la propria valenza di “bene comune”. Afferma Enrico Boerci, Presidente e AD di BrianzAcque: “Quest’anno, il Water Word Day è dedicato alla valorizzazione dell’acqua. Grazie all’accordo con il Comune di Monza, l’ormai rodato sistema delle casette si estenderà presto ai condomini con tutta una serie di vantaggi per i residenti. In questo modo, intendiamo sottolineare e implementare l’azione di promozione dell’acqua pubblica di rete, buona e sicura da bere quale scelta ambientalmente sostenibile nonchè fonte di risparmio per le famiglie in un momento storico segnato dalla pandemia e dalle difficoltà socio economiche ad essa legate”. «Questo progetto sperimentale è un gesto di attenzione del Comune e di BrianzAcque nel segno della sostenibilità, in particolare per l’utilizzo di una risorsa fondamentale come l’acqua pubblica – dichiara il Sindaco Dario Allevi. Le case dell’acqua nei condomini, inoltre, consentiranno anche un risparmio economico importante per molte famiglie in un momento di crisi come quello che stiamo vivendo. Senza dimenticare il valore educativo dell’iniziativa: promuovere l’acqua pubblica fa parte di un percorso che spinge le persone a comportamenti ecologici virtuosi».«“VerdeAcqua” è un’iniziativa green concreta nel segno dell’innovazione – spiega l’Assessore all’Ambiente Martina Sassoli. La riduzione degli impatti ambientali sarà misurabile sia nel maggiore riciclo della plastica e del vetro sia nella diminuzione di anidride carbonica nell’atmosfera provocata dal trasporto delle bottiglie dagli impianti fino ai supermercati e alle case. Insomma, niente imballaggi, filiera cortissima, acqua a chilometro zero: questa iniziativa dimostra che la gestione pubblica dell’acqua può essere efficace e innovativa. Una nuova idea che conferma il primato di Brianzacque nella gestione del ciclo idrico e che la rende prima in Italia per la depurazione dell’acqua”.Nella fase iniziale il progetto, della durata di un anno, sarà attuato in un massimo di dieci condomini, individuati dal Comune di Monza privilegiando quelli che ne faranno richiesta. Questi potranno così beneficiare del punto di distribuzione d’acqua sotto casa con minori difficoltà di trasporto e di stoccaggio di bottiglie senza necessità di utilizzare l’auto, né di sollevare pesi. Oltre ad essere comodo e funzionale, il servizio fornito attraverso le case dell’acqua consentirà un risparmio di tempo ed  economico (il costo dell’acqua sfusa è di gran lunga inferiore rispetto a quello in bottiglia) . Offre la garanzia di bere un H2O buona e controllata. Senza contare i vantaggi ambientali derivanti da una forte riduzione dell’inquinamento legato alla produzione, alla movimentazione e al riciclo delle bottiglie di plastica usa e getta con i condomini destinati a diventare sempre più plastic free. Dai dispenser self service, si può spillare acqua naturale a temperatura ambiente, refrigerata e frizzante. Proprio nella giornata odierna si chiude la manifestazione di interesse bandita da BrianzAcque per l’acquisto, la posa e la manutenzione delle prime postazioni idriche che saranno testate quali strutture pilota. Come in tutti i 160 punti di prelievo idrico della mono utility dell’acqua brianzola, già attivi sul territorio, la risorsa idrica erogata dai dispenser condominiali è quella a <Km.0>, “pescata” direttamente dall’acquedotto pubblico comunale. Un H20, sicura perché controllata da rigorose e ravvicinate analisi dei laboratori aziendali che da 11 anni consecutivi si fregiano del marchio Accredia e da quelle dell’ATS competente territorialmente, a cui spetta il giudizio di potabilità. Tuttavia, rispetto all’acqua del rubinetto, l’acqua da bere delle casette subisce alcuni trattamenti suppletivi.   Oltre alle tecnologie per la gasatura e il raffreddamento, viene sottoposta ad un sistema di filtrazione a carboni attivi per eliminare eventuali tracce di odori e/o sapori sgradevoli (ad esempio il cloro), senza dispersione delle qualità organolettiche e infine, ad un trattamento di sterilizzazione a raggi U.V. per affinarne ulteriormente le caratteristiche di salubrità. Il risultato è un’acqua gradevole al palato, più leggera e più vicina ai gusti del consumatore. Nell’ambito del territorio servito, BrianzAcque, gestore unico del servizio idrico integrato nella provincia di MB, vanta un sistema consistente di quasi 80 chioschi dell’acqua, di cui ben   6 a Monza, e di un “parco” di altrettanti erogatori posizionati in collaborazione con i Comuni all’interno di Municipi, scuole, biblioteche, caserme, impianti sportivi da cui è possibile spillare acqua sfusa gratuitamente. Una dotazione complessiva, molto apprezzata dai cittadini che ne fanno largo uso, mettendo in pratica quei piccoli gesti in grado di fare del bene all’ambiente e al contesto sociale risparmiando denaro.

La qualità e la composizione dell’acqua distribuita è direttamente controllabile dagli utenti collegandosi al sito www.brianzacque.it. Per ogni singolo “acqua point” è possibile verificare i parametri chimico fisici e l’attestazione di conformità microbiologica.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here