Acqua a km0 nelle sedi delle istituzioni brianzole

0
658

Un brindisi con l’acqua pubblica in Comune.  Per sancire l’ingresso ufficiale nelle sedi istituzionali di Provincia e Comune di Monza di  erogatori automatici, che dispensano la risorsa idrica derivante direttamente dall’acquedotto ad amministratori e dipendenti. Non è tutto. L’iniziativa, lanciata da BrianzAcque per coinvolgere nei propri progetti di sostenibilità ambientale gli enti soci, si completa con la fornitura di borracce destinate a tutti i consiglieri di Provincia e Comune.   Rileva, Enrico Boerci, Presidente di BrianzAcque: “La filosofia di fondo è di far sì che i nostri soci diventino sempre più attori strategici nell’ambito di progetti mirati a sensibilizzare e a diffondere stili di vita e comportamenti virtuosi in chiave ecologica. Siamo partiti dal Municipio di Monza e dalla Provincia MB, ma l’obiettivo è di coinvolgere tutti e 54 gli altri comuni, consentendo all’acqua di BrianzAcque di diventare una sorta di  “bevanda ufficiale” delle istituzioni  locali,  in aggiunta alle casette dislocate sul territorio e particolarmente apprezzate e utilizzate dai cittadini”.   Dai distributori self service, che costituiscono una valida alternativa all’acqua nelle bottigliette di plastica usa e getta, è possibile spillare acqua a temperatura ambiente o refrigerata, liscia o gassata. Di fatto, la stessa che sgorga dal rubinetto, ma ulteriormente affinata per migliorarne il sapore, senza dispersione delle caratteristiche organolettiche. Un’ acqua sicura e di qualità, rigorosamente controllata dai laboratori chimici di BrianzAcque con analisi a cadenza mensile, il cui consumo comporta ricadute positive sull’ambiente e sul portafoglio.  Sul fronte ecologico, va  poi considerato l’abbattimento della produzione e dello smaltimento di bottiglie di plastica con riduzione di CO2, dovuta anche al trasporto. Sul versante dei costi, il risparmio è consistente perché l’acqua a <km.0>  ha un costo poco più che simbolico e, nel caso specifico degli erogatori, “l’abbeveraggio”  è totalmente gratuito. Per agevolarne il rifornimento, la local utility del servizio idrico integrato ha pensato di dotare le assemblee dei due enti di borracce in tritan, l’innovativo materiale ecologico.  contenitori verranno personalizzati una ad una, con nomi e cognomi di ciascun consigliere.

I tre erogatori installati in Comune in pochi giorni hanno già riscosso un grande successo tra Amministratori e dipendenti – rivela il Sindaco Dario Allevi che ha brindato in Piazza Trento e Trieste insieme al Presidente Boerci  Diffondere comportamenti virtuosi ed ecosostenibili è la scelta vincente per tutelare un bene prezioso come l’acqua: per questo vogliamo coinvolgere anche i più piccoli in questa bella iniziativa, portando l’acqua del Sindaco anche nelle scuole di Monza”. 

In questi anni, abbiamo fatto un ottimo lavoro al fianco di BrianzAcque per sensibilizzare soprattutto i più giovani, i nostri ambasciatori dell’ambiente come amo definirli io. Era impensabile pertanto che mentre cerchiamo di insegnare alle nuove generazioni il valore dell’acqua noi, in qualità di adulti e di amministratori pubblici, non dessimo loro un modello virtuoso da seguire. Per questo ho chiesto al Presidente Boerci che il Comune di Monza potesse diventare un riferimento, così come per gli sforzi sulla differenziata, anche per l’utilizzo dell’acqua pubblica”, aggiunge l’Assessore all’Ambiente Martina Sassoli.

 

Dal canto suo, Roberto Invernizzi, Presidente della Provincia di Monza e Brianza, che  ha alzato il calice con il Presidente Boerci e con il vice Presidente di ATO, Roberto Borin, osserva:  “La sede della  Provincia è stata realizzata in Classe A ed è alimentata con l’acqua di falda che adesso si potrà anche bere grazie ai nuovi erogatori alla spina: abbiamo aderito alla proposta di BrianzAcque molto volentieri, nel pieno rispetto di quella filosofia della sostenibilità ambientale alla base della progettazione di questo edificio. E se poi questa scelta contribuirà a far adottare nuove abitudini di consumo avremmo raggiunto un doppio obiettivo. Questa simbolicamente è la casa dei comuni: ci auguriamo di essere da esempio per tutte le altre amministrazioni pubbliche.”

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here