A Pavia per scoprire i segreti della Gioconda

0
41

Un vero e proprio evento dedicato al grande Leonardo Da Vinci che passò per Pavia. L’occasione è la mostra diffusa “Looking for Monna Lisa. Misteri e ironie attorno alla più celebre icona Pop” a cura di Valerio Dehò. Fino al 29 marzo 2020 è possibile visitare luoghi meravigliosi intrisi di arte e di storia dislocati nel centro storico della città. Grazie a questa esposizione Pavia entra in dialogo con i linguaggi del contemporaneo. Si possono ammirare la chiesa di Santa Maria Gualtieri, lo Spazio Arti Contemporanee del Broletto, il Castello Visconteo e la Piazza del Municipio.Il filo conduttore della rassegna è la “Monna Lisa“, la donna di Leonardo  dallo sguardo misterioso e dal sorriso ammiccante, conosciuta come “Gioconda”. Da molto tempo l’opera, è stata sempre fonte di ispirazione e oggetto di dissacrazioni lungo tutta la storia dell’arte tanto da guadagnarsi la fama di icona Pop. Per questo motivo l’opera gode ancora oggi di grandissimo richiamo per il pubblico ed è il punto di partenza per nuove interpretazioni, riflessioni e provocazioni da parte di artisti contemporanei. E’ proprio su questa linea che si muove la mostra organizzata a Pavia. Si parte  dalla chiesa sconsacrata di Santa Maria Gualtieri e si incrociano subito gli occhi della Gioconda. Nell’esperienza multimediale “Monna Lisa who?”  realizzata dallo studio di multimedia design Karmachina, ammicca, si muove e invita il visitatore ad entrare in un misterioso mondo passato. In regalo nuove ed intense emozioni. Il passo successivo è lo  Spazio del Broletto, dove spicca la rilettura pop del dipinto più celebre della storia. Le numerose opere sono appartenenti in prevalenza alla Collezione Carlo Palli e ad esso si ispirano. La raccolta costituisce la più importante espressione italiana della Giocondologia. Questo fenomeno riunisce sperimentazioni e variazioni applicate al famoso ritratto vinciano, teorizzate dall’artista e scienziato Jean Margat. Monna Lisa esprime qui tutta la sua anima di icona anche commerciale come nella “Money Lisa” di Sarenco circondata da banconote. Si fa qui riferimento alla sua diffusa mercificazione e svela la relazione tra l’artista e l’opera intesa come vero e proprio feticcio, più che come opera d’arte. contemporanea offre nuovi spunti e nuovi approcci al capolavoro vinciano. Ci saranno poi eventi e scoperte incredibili negli altri luoghi e persino una gigantografia di Leonardo. Da non perdere! Info http://www.vivipavia.it

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here