A Lissone si parte con lo smart working

0
229

Anche nel Comune di Lissone entra in vigore il «lavoro agile»: l’emergenza Coronavirus, a seguito anche dell’ultimo DPCM, ha portato la Giunta Comunale a deliberare di attivare lo smart working per i dipendenti che vorranno lavorare direttamente dal domicilio. “Mercoledì 11 marzo, alla luce delle ultime disposizioni di livello nazionale, la Giunta ha approvato la delibera che attiva la possibilità, per le attività compatibili, di lavorare in smart working, senza doversi recare sul luogo di lavoro – affermano il sindaco Concettina Monguzzi e l’assessore al Personale, Alessia Tremolada – nelle scorse ore gli uffici si sono attivati per adottare tutte le misure necessarie per attivare questa modalità di lavoro così da poter entrare a regime già da oggi”. Da lunedì 16 marzo, e per tutta la durata della fase emergenziale, tutti i dipendenti le cui funzioni sono compatibili con il lavoro a domicilio potranno esercitare la propria prestazione lavorativa da casa.“Da ormai due settimane viviamo una situazione di emergenza sanitaria dovuta all’epidemia di Covid-19 con il susseguirsi di provvedimenti a livello nazionale che ci indicano le modalità di gestione della nostra quotidianità, anche in relazione allo svolgimento dell’attività lavorativa – affermano il sindaco Concettina Monguzzi e l’assessore al Personale, Alessia Tremolada – In questo periodo, secondo le indicazioni nazionali, gli Uffici Comunali sono sempre rimasti aperti, pur se negli ultimi giorni con limitazioni all’accesso da parte dell’utenza, ma garantendo sempre un presidio di responsabilità nei confronti della cittadinanza. A tutti i dipendenti vogliamo dare un ringraziamento per avere svolto il loro lavoro, in questi giorni particolari, con rinnovata disponibilità e senso di responsabilità”.

“Vogliamo ringraziare anche chi, in questi pochi giorni, ha predisposto gli atti amministrativi e attivato tutti gli strumenti e collegamenti tecnologici a distanza – afferma Domenico Colnaghi, assessore all’Innovazione Tecnologica – così da poter proseguire il lavoro a distanza rispettando le scadenze di legge senza correre e far correre rischi agli utenti”.

Gli uffici pubblici sono infatti aperti per le urgenze e previo appuntamento, applicando le norme igieniche prescritte dalle autorità sanitarie, a tutela dei lavoratori e dei cittadini; nelle aree di attesa, infatti, sono a disposizione le soluzioni idroalcoliche per l’igienizzazione delle mani, mentre l’organizzazione del lavoro si basa su appuntamenti incentivando la modalità “on-line”, introdotta nelle ultime settimane anche con lo Sportello Telematico.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here