Donne Immigrate, a Sesto via al progetto di inclusione sociale

0
281

Scuola di italiano, laboratori di cucina e cucito, economia domestica e informatica, gruppi di socializzazione, corsi di educazione alimentare, giochi di gruppo e laboratori di letture animate presso la Biblioteca dei ragazzi rivolti alle bambine e i bambini. Questo il clo del progetto “Conoscere, riconoscere, interesse” dell’assessore alle Pari opportunità di Sesto San Giovanni per la scolarizzazione e l’inclusione sociale delle donne immigrate. L’iniziativa finanziata per 15 mila euro da Regione Lombardia, prevede « di migliorare la conoscenza della lingua italiana come presupposto indispensabile per la piena integrazione di queste donne nella comunità sestese – spiega l’assessore Rita Innocenti – offrire alle mamme e ai loro figli e figlie spazi di relazione, gioco e crescita in contesti diversi da quello familiare vuol dire ampliare la loro rete di relazioni; incentivare lo scambio culturale con la comunità locale significa lavorare ad un processo di integrazione non a senso unico». Inoltre a maggio verrà organizzata la mostra fotografica “S-velate”  in cui si vede come le donne in questo caso di origine marocchina, possono coniugare vita privata e familiare con un’attività lavorativa, fonte di realizzazione personale ed indipendenza economica. Al progetto partecipano in qualità di partner il Cespi Centro Studi Problemi Internazionali, l’Associazione Onlus Da Donna a Donna, l’ Associazione Culturale DireFareDare, La Grande Casa Società Cooperativa Onlus, il C.P.I.A. 2 Milano Centro Provinciale per l’Istruzione degli adulti, la Fondazione ISEC Istituto per la Storia dell’Età Contemporanea, in collaborazione con La Società delle Storiche, e l’Istituto Professionale di Stato “Enrico Falck”.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here