Ex Alstom di Sesto, il consiglio regionale difende i lavoratori

0
239

Al termine della seduta odierna il Consiglio regionale ha approvato all’unanimità una  mozione urgente, presentata dal gruppo del Partito Democratico, primi firmatari Onorio Rosati, Sara Valmaggi e Enrico Brambilla, che riguarda la situazione venutasi creare con l’acquisizione del gruppo Alstom da parte della multinazionale General Electric. Al centro della mozione le conseguenze occupazionali per lo stabilimento di Sesto San Giovanni, ramo di azienda che produce energia, dove in particolare sono previsti 236 licenziamenti su 440 persone. Il documento impegna la Giunta regionale a mettere in atto nelle sedi opportune ogni strumento utile a mantenere l’occupazione nel sito di Sesto San Giovanni. Nell’esprimere il voto favorevole anche  da parte della Giunta, l’ Assessore allo Sviluppo Economico Mauro Parolini ha garantito di seguire personalmente le trattative con i vertici aziendali della General Electric. “Ad oggi -ha detto- non abbiamo notizia di alcuna procedura formale di licenziamento o cassa integrazione, tuttavia sono stati subito attivati contatti con il Ministero dello Sviluppo Economico e stiamo seguendo da vicino la situazione”. Il 22 gennaio è stato convocato a Sesto San Giovanni un incontro dei Sindaci di Comuni in cui risiede almeno un dipendente dell’impianto Power.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here