Sesto, uccide i genitori: «li odiavo»

0
253

Ha ucciso i suoi genitori nel sonno infierendo su di loro con un coltello da cucina almeno venti volte e poi ha atteso l’arrivo delle forze dell’ordine a letto. Un terribile duplice omicidio in famiglia quello che si è consumato nella notte tra lunedì e martedì verso le 2, nei palazzoni popolari di Sesto San Giovanni al civico 666 di via Edison.Il delitto sarebbe maturato dopo l’ennesima lite tra la madre dell’assassino, Francesca Re di 58 anni, e il figlio Davide Mugnos di 26 anni. Da tempo il giovane, seguito dal centro per i disturbi psichiatrici dell’Ospedale di Sesto, soffriva di manie depressive ed era uscito da una dipendenza da cannabis. La mamma voleva farlo tornale in comunità, a quanto confermato da un altro fratello, ma lui si opponeva. Al punto che ha afferrato il coltello e l’ha uccisa. Il padre Giuseppe Mugnos, 63 anni, disabile in seguito ad un diabete, avrebbe urlato mentre il figlio ammazzava la donna e così lui ha colpito anche il genitore. Poi si è rimesso a letto. Ma le urla hanno attirato il vicino di casa che ha chiamato il 113. Sul posto i sanitari che non hanno potuto far altro che constatare il decesso dei due genitori e gli agenti del Commissariato di Cinisello che hanno subito fermato il figlio. Il giovane ha confessato subito: «Li odiavo perché volevano rinchiudermi di nuovo», avrebbe detto. L’inchiesta della procura di Monza affidata al pubblico ministero Michele Trianni e alla dirigente del commissariato di Cinisello Balsamo, Anna Bruno che stanno valutando di sottoporre Davide ad una perizia psichiatrica benchè nella confessione si sia dimostrato abbastanza tranquillo. Ora è rinchiuso nel carcere di Monza.

 

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here