Lo sport a Cinisello fa un passo avanti con leggi etiche

0
133
Cinisello Balsamo, indagata sindaco Trezzi e marito

Approvati all”unanimità dal Consiglio comunale di Cinisello Balsamo due importanti documenti per lo sport cinisellese: il codice etico e il regolamento della Consulta cittadina.
Il Codice etico sottolinea il ruolo pedagogico, sociale e culturale dello sport. L’adesione da parte delle associazioni sportive è libera ma diventa un vincolo per tutte le realtà sportive appartenenti alla Consulta dello Sport cinisellese. Il documento, infatti, promuove i principi della correttezza, dell’onestà e della lealtà nelle attività sportive, allo scopo di evitare comportamenti non violenti, discriminatori, irrispettosi o alterati da sostanze illegali. Soci, atleti, dirigenti, istruttori, allenatori, si impegnano al rispetto e al leale comportamento sportivo così da favorire il corretto svolgimento delle competizioni sportive. A questi comportamenti sono invitati anche tutti coloro che gravitano intorno ad una realtà sportiva compresi gli accompagnatori e i familiari. Altro importante caposaldo del documento è il richiamo alla trasparenza economica da assicurare attraverso la regolare tenuta di contabilità e bilanci e la correttezza sia nei rapporti di lavori sia nella gestione degli appalti.
“Il codice etico nasce dalla consapevolezza che lo sport, agonistico e non, è un importante strumento educativo e culturale di grande aiuto per la crescita e la salute psicofisica delle persone e concorre nella promozione di corretti stili di vita – ha dichiarato il vicesindaco con delega allo Sport Luca Ghezzi -. L’esigenza di adottare un codice etico è frutto di un comune lavoro tra la Consulta e i Tavoli dello Sport che si sono svolti lo scorso novembre, integrato successivamente grazie ad ulteriori contributi da parte delle associazioni sportive del territorio. Proficuo è stato il lavoro svolto dalla commissione consiliare che ha consentito attraverso alcuni emendamenti proposti l’approvazione del documento all’unanimità da parte del Consiglio comunale”.
Aggiornato anche il regolamento della Consulta dello Sport che era stato introdotto nel 2001 dettagliando maggiormente le finalità e i compiti della stessa e inserendo l’obbligo della condivisione del Codice etico da parte di tutti i componenti. In particolare sono state precisate le modalità relative alla elezione del Presidente e del comitato direttivo. Nel nuovo regolamento si sottolinea tra i compiti della Consulta quello di favorire le attività sportive e del tempo libero di tutta la cittadinanza, in particolare dei giovani, delle persone con disabilità, della terza età e delle fasce disagiate. Altro impegno favorire il rapporto tra le associazioni sportive, il mondo della scuola e le altre realtà del territorio allo scopo di diffondere stili di vita sani e promuovere aggregazione sociale.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here